Verbali della Commissione

Si pubblicano, in allegato alla presente comunicazione, i seguenti verbali

  • Verbale di commissione 1°grado
  • Rapporto preliminare 1° grado - Graduatoria 1° grado
  • Verbale di commissione 2°grado
  • Rapporto preliminare 2° grado
Rapporto preliminare 1° grado Verbale di commissione 1°grado Graduatoria 1° grado Rapporto preliminare 2° grado Verbale di commissione 2°grado

Graduatoria provvisoria e menzioni

Di seguito si pubblica la graduatoria provvisoria completa di nominativi e le menzioni

Graduatoria provvisoria

  • 1° classificato - codice di secondo grado 70AV1919: R.T.P. arch. Marco GATTI (capogruppo), ing. Domenico GABRIELE, arch. Matteo BENIGNA, arch. Matteo CECCHI, arch. Diego COLLINI, arch. Giovanni MANZONI
  • 2° classificato - codice di secondo grado 8E1IZZA8: R.T.P. arch. Michael SORGATO (capogruppo), ing. Rodolfo MORANDI, Mario Massimo CHERIDO, ing. Luigi GUARATO, ing. Maurizio MILAN, ing. Guido DAVOGLIO
  • 3° classificato - codice di secondo grado 1PV9682K: arch. Alessandro FERRAZZANO
  • 4° classificato - codice di secondo grado 41NRT93Z: R.T.P. arch. Davide MAGGIO (capogruppo), arch. Fabio MENEGAZZO, ing. Michele CARAPELLESE
  • 5° classificato - codice di secondo grado 340WDQTC: arch. Daniele RANGONE

Menzioni

  • Progressivo n° 11- codice di primo grado 3VSLPHN6: R.T.P. arch. Andrea GRANIERI (capogruppo), ing. Giuseppe CANESTRINO, ing. Giuseppe PERRI
  • Progressivo n° 23- codice di primo grado R2T2M1N4: arch. Luciano CRESPI
  • Progressivo n° 29- codicedi primo grado 9S09G20M: R.T.P. arch. Serena COMI (capogruppo), arch. Claude LEVEQUE, R.T.P. arch. Gino BALDI, ing. Giulio PELI, per. Ind. Andrea COLOMBO
  • Progressivo n° 36- codice di primo grado 5R3V8Z0R: R.T.P. arch. Alessandra RAMPAZZO (capogruppo), arch. Francesco RIGON, arch. Margherita SIMONETTI
  • Progressivo n° 44- codicedi primo grado 20033VER: arch. Alberto BOTTERO

Graduatoria provvisoria

Di seguito si pubblica la graduatoria provviosoria:

  • 1° classificato - codice di secondo grado: 70AV1919
  • 2° classificato - codice di secondo grado: 8E1IZZA8
  • 3° classificato - codice di secondo grado: 1PV9682K
  • 4° classificato - codice di secondo grado: 41NRT93Z
  • 5° classificato - codice di secondo grado: 340WDQTC

Seduta di decrittazione

Si comunica che la seduta di decrittazione si terrà in modalità telematica il giorno 26 gennaio alle ore 9.30. Per assistere i partecipanti potranno collegarsi al seguente link: meet.google.com/bxd-fvrz-uuj

Accesso all’area di Concorso.

Si ricorda ai partecipanti che l’edificio di concorso è chiuso e inaccessibile. Tuttavia, l’area esterna dell'edificio è accessibile in orario scolastico dal cancello posto a lato del nuovo parcheggio/stazione bus. Pertanto, se il cancello è aperto, i concorrenti possono visionare in completa autonomia gli esterni dell’edificio (facciate e sistemazioni).

PUBBLICAZIONE DELLE RISPOSTE AI QUESITI PERVENUTI IN SECONDO GRADO

Si comunica che sono state pubblicate tutte le risposte ai quesiti pervenuti in secondo grado, consultabili nell’apposita sezione del sito e scaricabili nella sezione documenti.

INDICAZIONI DELLA GIURIA PER LA SECONDA FASE CONCORSUALE.

SISTEMAZIONI ESTERNE. Si raccomanda in seconda fase di approfondire ed esplicitare in modo chiaro il rapporto tra l’edificio oggetto del concorso e il suo intorno. In particolar modo la zona interstiziale adiacente all’edificio Ex-Brambilla e il rapporto e nuova configurazione generale dello spazio esterno in relazione agli altri edifici e aree aperte circostanti.

COLLEGAMENTI. Si raccomanda un maggior approfondimento progettuale dei collegamenti tra l’edificio oggetto di concorso e il corpo principale della Ex- Brambilla. E’ auspicabile per migliorare la privacy del comparto camere che si configurino soluzioni progettuali che consentano di collegare i due edifici attraverso le loro rispettive parti comuni.

Il comparto delle camere oltre che a dover avere  un grado accettabile di isolamento acustico e privacy (necessariamente dovuto alle funzioni contenute)  potrà anche essere dotato, per questioni gestionali, di un sistema di monitoraggio o controllo notturno.

Inoltre si raccomanda grande attenzione e dettagliato approfondimento progettuale atto a prevedere il necessario mantenimento delle uscite di sicurezza del corpo Ex-Brambilla che potranno essere anche integrate dentro il nuovo collegamento. Le eventuali nuove vie di esodo previste dovranno essere rispettose della normativa (mantenimento dell’attuale dimensionamento delle vie di esodo afferenti all’Ex-Brambilla  e dei compartimenti incendi, della capacità di sfollamento, larghezza scale, ecc.) .

INVOLUCRO. Si raccomanda in seconda fase di rendere evidente e chiaro il più possibile il nodo serramento/nuove partiture in progetto, con particolare riguardo ai serramenti esistenti e il loro rapporto con nuove quote di solaio e altri serramenti ad integrazione del sistema (Come da indicazioni fornite dalla Soprintendenza e riportate negli allegati al bando e nelle risposte ai quesiti ). Inoltre, si raccomanda un maggior approfondimento progettuale sul tema legato al trattamento delle superfici murarie dell’involucro esistente, sia interno che esterno, dando bene evidenza dell’approccio materico/tecnico scelto.

REQUISITI. Prestare particolare attenzione alle indicazioni contenute nel DIP in merito alla puntuale progettazione delle funzionalità e degli spazi funzionali richiesti. E’ importante mantenere un numero minimo di ospiti pari a 50.

  • Si raccomanda in termini generali di porre particolare attenzione all’utilizzo di materiali costruttivi durevoli e di facile manutenibilità.
  • Si ricorda che l’utenza che usufruirà delle camere per l’alloggio si inquadra in una età scolare afferente alle scuole superiori con età indicativamente compresa tra 14 e 19 anni e che quindi  (come già evidenziato) potrà disporre di eventuale sorveglianza notturna.
  • Si ritiene utile che tutte le soluzioni planimetriche messe in campo affrontino in modo chiaro il problema di poter garantire (qualora desiderata dall’utenza) una adeguata privacy delle camere che saranno anche luogo di studio.
  • Si raccomanda una riflessione approfondita sul trattamento acustico degli ambienti in relazione alle diverse funzione contenute
  • Valutare in modo approfondito il calibro degli eventuali corridoi di distribuzione

PUBBLICAZIONE DEI CODICI DEI PROGETTI FINALISTI DEL 2°GRADO DEL CONCORSO

La Commissione giudicatrice ha terminato i propri lavori con la scelta dei 5 progetti selezionati per il 2°Grado, tra i 48 presentati. I progetti accedono senza formulazione di graduatoria e vengono pubblicati in ordine di caricamento. I progetti sono:

  • n° 2- codice 23VCPSB7
  • n° 7- codice 91V70A91
  • n° 15- codice 19NP20T4
  • n° 32- codice R08O1FOS
  • n° 35- codice K2869VP1

Nei prossimi giorni verranno pubblicate le raccomandazioni della Commissione giudicatrice.

PROPOSTE PERVENUTE

Si informano i partecipanti che in data 23/10/2020 alle ore 12:00 si è chiuso il periodo di registrazione dei partecipanti e sono pervenute 48 proposte progettuali.

Si comunica che la Commissione di giuria si riunirà in data 2/11/2020.

Precisazioni sulle modalità di trasmissione

Si precisa che nella cartella compressa (ZIP) di dimensione non superiore a 5 MB contenente i documenti amministrativi di cui punto 4.3, opportunamente criptata attraverso la “chiave pubblica”, dovranno essere presenti i documenti di identità nel caso in cui il modello-1 non venga firmato digitalmente. Nel caso di raggruppamento temporaneo da costituirsi, nel modello-1 dovrà essere valorizzato il corrispondente campo e gli operatori dovranno indicare il capogruppo mandatario del raggruppamento.

Solo in seguito della proclamazione del vincitore del concorso, con pubblicazione della graduatoria, dovrà essere dimostrato il possesso dei requisiti speciali di cui al punto 3.3 del bando anche variando la propria forma giuridica di partecipazione dichiarata nel 2°Grado (concorrente singolo o in raggruppamento temporaneo) o modificando il raggruppamento già proposto per la partecipazione al 2°Grado del Concorso con altri soggetti di cui al precedente punto 3.2 che non abbiano già partecipato al 1° Grado del Concorso - nonché l’integrazione del possesso dei requisiti di idoneità tecnica e professionale, nonché economico-finanziari di cui al punto 3.2 e 3.3. Pertanto, la figura del tecnico di restauro non dovrà essere presente al momento dell’iscrizione al concorso.