Selezione delle cinque proposte progettuali ammesse al secondo grado

Vengono selezionate le cinque proposte progettuali, sotto riportate in ordine di trasmissione con conseguente numerazione progressiva, che accedono ex aequo alla seconda fase concorsuale, senza formazione di graduatoria, ai sensi dell’art.4.6 del Disciplinare di Concorso:

  • 0004 - J04SM06S
  • 0011 - TYU3JD9E
  • 0021 - FFAZCC22
  • 0039 - RFZB9385
  • 0054 - PANAMAG7

Alla luce degli elementi emersi dall’analisi dei progetti, la Commissione Giudicatrice definisce le indicazioni di carattere generale, relative ai progetti selezionati per il secondo grado del concorso, di seguito riportate:

  • Le relazioni descrittive dei progetti dovranno essere impostate secondo i criteri di valutazione di secondo grado.
  • I progetti dovranno integrare connessioni ciclopedonali a servizio del perimetro di intervento, con Viale della Rimembranza e con l’area sportiva adiacente
  • I progetti dovranno approfondire il tema del disegno e della qualità degli spazi aperti sia interni agli edifici (patii) sia esterni (corti, cortili, giardini, ecc.), specificando geometrie, dimensioni e ruoli, materiali, essenze arboree e arbustive e attrezzature, valutandone la congruità normative (distanze, proporzioni ecc.) e gli aspetti manutentivi.
  • I progetti devono verificare che le quantità totali di superficie coperta previste in prima e seconda fase siano rispettose di quanto prescritto dal D.M. 18.12.1975.
  • I progetti dovranno portare a compimento gli indirizzi spaziali, materici e figurativi elaborati in prima fase, dimostrando la coerenza con i requisiti di fattibilità tecnico economica, con i budget e con le prescrizioni previsti dal bando e rispettando le superfici segnalate nello stesso.
  • I progetti dovranno approfondire con particolare attenzione gli aspetti esecutivi e manutentivi in termini di fattibilità costruttiva e in relazione ai costi di esercizio e gestione, in particolare quelli relativi agli involucri esterni degli edifici.
  • I progetti dovranno verificare che la flessibilità spaziale sia coerente con le scelte tecnologiche, impiantistiche ed energetiche proposte.
  • I progetti dovranno prevedere locali e superfici tecniche per l’installazione di impianti e macchinari atti al funzionamento dei sistemi tecnologici previsti dal progetto.
  • I progetti dovranno prevedere studi di approfondimento dell’irraggiamento solare nelle diverse ore della giornata e nei diversi giorni dell’anno, con il conseguente studio delle eventuali necessarie schermature solari.
  • I progetti dovranno esplicitare le relazioni tra spazi chiusi e aperti, definendo i limiti di pertinenza degli ambiti della scuola, precisando le modalità di delimitazione e protezione delle aree per attività all’aperto e verificando la permeabilità e l’accessibilità totale degli spazi.
  • E’ auspicabile che i progetti, nel rispetto della normativa sul superamento delle barriere architettoniche, prevedano all’interno dell’edificio scolastico, accessi spazi e servizi adeguati, preferibilmente indifferenziati e non esclusivi.
  • I progetti dovranno approfondire il tema della fruibilità extra-scolastica della struttura da parte di utenti esterni verificando in termini di sicurezza, accessibilità, dotazioni di servizi e attrezzature, gestione e autonomia dei flussi.
  • Si raccomanda di produrre visioni tridimensionali o profili che facciano percepire la collocazione all’interno del contesto in particolare nella relazione con gli edifici limitrofi
  • I progetti dovranno prestare particolare attenzione alla distanza libera tra le pareti contenenti le finestre degli spazi ad uso didattico e le pareti opposte di altri edifici, o di altre parti di edificio, dovrà essere almeno pari ai 4/3 dell’altezza del corpo di fabbrica prospiciente; tale distanza non dovrà, comunque, essere inferiore a 12 m.
  • La palestra, aperta anche alla comunità extrascolastica, dovrà essere dotata di campi regolamentari per attività non agonistica in cui possono svolgersi attività regolamentate dalla Federazione Sportiva Nazionale e dalle Discipline Sportive Associate (Rif. NORME CONI PER L’IMPIANTISTICA SPORTIVA, approvate con deliberazione del Consiglio Nazionale del CONI n. 1379 del 25/06/2008 – “impianti sportivi di esercizio”).

Aggiornamento sezione documenti

Si comunica che in data odierna la sezione Documenti è stata aggiornata con il caricemtno, in cartella compressa in formato ZIP della seguente documentazione in DWG:

  • Modello 3D del rilievo
  • Definizione del perimetro di intervento fatto sulla base del rilievo topografico

Curriculum membri commessione

Si pubblicano, in cartella compressa in formato ZIP, i curriculum dei membri della Commissione Giudicatrice

Curricula commissari (cartella compressa in formato ZIP)

Aggiornamento sezione documenti

Si comunica che la sezione documenti è stata aggiornata con l'inserimento di una immagine relativa all'edificio in costruzione rispetto all'area della futura scuola

Aggiornamento sezione documenti

Si comunica che la sezione documenti è stata aggiornata con il caricamento, in cartella compressa formato ZIP, dei file relativi a Unione progetti - edifici esistenti

Chiave pubblica di crittazione

Si comunica che la chiave pubblica di crittazione è a disposizione per il download nella sezione Documenti 

Seduta pubblica di generazione delle chiavi

Si comunica che la seduta di generazione delle chiavi si terrà, in modalità telematica, venerdì 15 aprile alle ore 9.30.
Link per accedere: https://meet.google.com/xyw-ihwj-wuj

Realizzazione della nuova scuola secondaria di primo grado del capoluogo - Cavaion Veronese

Il progetto riguarderà la realizzazione della una nuova scuola secondaria di primo grado del capoluogo, in una nuova area a servizi di proprietà comunale.
Tra gli obiettivi del concorso, la  garanzia di avere edifici scolastici sicuri, sostenibili, accoglienti ed adeguati alle più recenti concezioni della didattica, superando il modello imperniato sulla centralità della lezione frontale, privilegiando, nei limiti del possibile, spazi modulari, facilmente configurabili ed in grado di rispondere a contesti educativi diversi e in continua evoluzione, dove il contesto paesaggistico dell’area individuata possa diventare caratteristica didattica intrinseca dell’edificio.