Il modulo quesiti non è più disponibile: quesiti e risposte, se ritenuti di interesse comune, saranno pubblicati in questa pagina.

Risposte pubblicate

Salve, volevo chiedere, se potevate caricare nei documenti il rilievo dello stato di fatto delle due scuole in formato .dwg,

Sono stati caricati i seguenti nuovi file:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Si rammenta che l'attuale edificio ospitante la scuola secondaria di 1° grado "M. Martello", oggetto della presente procedura concorsuale, dovrà essere demolita e ricostruita.

potreste inserire una planimetria dello stato attuale in scala 1.1000 in formato dwg

I file caricati editabili presenti nella sezione documenti della piattaforma sono in scala 1:1.

Un soggetto architetto, regolarmente iscritto all'albo professionale, che svolge funzione di "direttore tecnico" di società S.r.l. professionale, può partecipare al concorso nell'ambito di R.T.I. da costituirsi, anche nella sua ulteriore e diversa funzione di legale rappresentante di altra società di professionisti con altra denominazione costituita con altri soggetti professionali?

La costituzione di un RTP è una scelta dei partecipanti al Concorso, gli stessi devono prestare attenzione alle indicazioni previste in particolare al punto 3.2) e al punto 3.6) del disciplinare in cui è previsto il divieto assoluto ai Concorrenti di partecipare alla procedura in più̀ di un Raggruppamento temporaneo/Consorzio ordinario/GEIE/ in forma individuale Il medesimo divieto sussiste per i liberi professionisti, qualora partecipi al Concorso, sotto qualsiasi forma, una società di professionisti o una società d’ingegneria della quale il professionista è amministratore, socio, dipendente, consulente o collaboratore a progetto, ai sensi di quanto previsto dagli artt. 2 e 3 del D.M. 2/12/2016, n. 263.

La violazione di tali divieti comporta l’ESCLUSIONE dal Concorso di tutti i Concorrenti coinvolti (si veda art. 48 c. 7 del d.lgs. n. 50/2016)

Si chiede gentilmente se i requisiti di capacità tecnica e professionale (p.to 3.3.2 del Bando) relativi all’avvenuto espletamento negli ultimi 10 anni di servizi relativi ai lavori appartenenti alle “ID Opere” possano essere dimostrati anche con servizi espletati aventi lo stesso grado di complessità ma differente codice di categoria.

Si precisa che:

  1. gli importi si intendono al netto di oneri fiscali e previdenziali;
  2. trattandosi di affidamento di progettazione e direzione lavori, ai fini della dimostrazione della specifica esperienza pregressa, anche per i servizi c.d. “di punta”, in relazione ad ognuna delle classi e categorie dei lavori cui si riferiscono i servizi da affidare, detti requisiti sono dimostrati con l’espletamento pregresso di incarichi di progettazione e direzione lavori, oppure di sola direzione oppure di sola progettazione;
  3. FARE MOLTA ATTENZIONE: nel caso di incertezze nella comparazione di classi e categorie di cui al del D.M. 17 giugno 2016, rispetto alle classificazioni precedenti, prevale il contenuto oggettivo della prestazione professionale, in relazione all’identificazione delle opere;
  4. FARE MOLTA ATTENZIONE: i servizi valutabili sono quelli ultimati nel decennio antecedente la data di pubblicazione del bando di gara, ovvero la parte di essi terminata nello stesso periodo. La D.L. s’intende terminata con l’emissione del certificato di collaudo, i progetti s'intendono terminati alla data di approvazione. Sono valutabili anche i servizi svolti per committenti privati documentati attraverso certificati di buona e regolare esecuzione rilasciati dai committenti privati o dichiarati dall'operatore economico che fornisce, su richiesta della stazione appaltante, prova dell'avvenuta esecuzione attraverso gli atti autorizzativi o concessori, ovvero il certificato di collaudo, inerenti il lavoro per il quale è stata svolta la prestazione, ovvero tramite copia del contratto e delle fatture relative alla prestazione medesima;
  5. FARE MOLTA ATTENZIONE: nel caso in cui il servizio di riferimento sia stato espletato nell’ambito di un raggruppamento, l’operatore economico concorrente potrà dichiarare soltanto la parte di servizio svolta nell’ambito del raggruppamento stesso quale soggetto direttamente impiegato nello svolgimento di funzioni professionali e tecniche e che abbia sottoscritto gli elaborati correlati alle attività svolte;
  6. ai fini della partecipazione alla presente procedura, il libero professionista può spendere i requisiti di capacità tecnica e professionale (rectius: servizi analoghi e servizi di punta) conseguiti dalla società di ingegneria di cui faceva parte come socio professionista, a condizione che il medesimo professionista fosse inserito nell’organigramma della società quale soggetto direttamente impiegato nello svolgimento di funzioni professionali e tecniche e che abbia sottoscritto gli elaborati correlati alle attività svolte (cfr. Delibera ANAC n. 416 del 15/05/2019).
  7. È ammissibile la dimostrazione dei requisiti di capacita economico-finanziaria di cui alle Linee guida n.1, Parte IV, punto 2.2.2.1, lettera a), facendo riferimento al fatturato correlato ai servizi professionali svolti dal libero-professionista nell’esercizio di una professione regolamentata per la quale è richiesta una determinata qualifica professionale, come indicato dall’art.3 della direttiva 2005/36/CE, quale componente di un’associazione professionale - (cfr. Delibera ANAC n. 290 del 01/04/2020).
  8. deve ritenersi opportuno, “al fine di garantire il rispetto del principio della non duplicazione dei requisiti” , che gli interessati procedano all’adozione di un atto “sottoscritto da tutti i professionisti dello studio associato”, contenente la ripartizione e l’attribuzione del fatturato ai singoli componenti dello studio associato, in caso di scioglimento dell’associazione professionale e – nel caso in cui l’associazione continui ad operare – all’attribuzione del fatturato allo studio associato e ai professionisti uscenti; (cfr. Delibera ANAC n. 290 del 01/04/2020).
  9. di ritenere ammissibile, ai fini della partecipazione alle procedure di affidamento di un libero professionista, la dimostrazione dei requisiti di capacità tecniche e professionali di cui alle Linee guida n. 1, Parte IV, punto 2.2.2.1, lettere b) e c), mediante le attività dallo stesso svolte, nell’esercizio di una professione regolamentata per le quali è richiesta una determinata qualifica professionale, come indicato dall’art. 3 della direttiva 2005/36/CE, quale componente di un’associazione professionale, a condizione che il professionista medesimo abbia sottoscritto gli elaborati correlati alle attività svolte. (cfr. Delibera ANAC n. 290 del 01/04/2020).

Inoltre:

FARE MOLTA ATTENZIONE:Per le categorie Edilizia ID E.03  -  Strutture ID S.03  ai fini della qualificazione nell’ambito della stessa categoria, le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando il grado di complessità sia almeno pari a quello dei servizi da affidare.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Per la categoria Impianti ID IA.01 ai fini della qualificazione, le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando relative alla categoria Impianti ID IA.02 e viceversa

FARE MOLTA ATTENZIONE: Per la categoria Impianti ID IA.03 ai fini della qualificazione, le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando relative alla categoria Impianti ID IA.04 e viceversa.

Si chiede conferma che il gruppo di minimo tre professionisti richiesto al punto 1.7 del disciplinare debba essere costituito solo in caso di partecipazione al 2° grado del Concorso

Si conferma quanto indicato al punto 1.7) del Disciplinare: “...i partecipanti al 2° grado del Concorso dovranno costituire un gruppo minimo di 3 (tre) professionisti, producendo, quale documentazione amministrativa per partecipare al secondo grado, una apposita dichiarazione sulla sua composizione” ;

Poiché al fine di soddisfare i requisiti richiesti al punto 1.7 e 3.2.1 del bando è necessario per la scrivente costituire un raggruppamento temporaneo costituendo, si chiede di chiarire se il raggruppamento debba essere già definito nella prima fase. In tal caso presenteranno dgue , e tutta la documentazione amministrativa tutti i soggetti facenti parte dell' RTI costituendo già dal 1° grado del concorso.

Come indicato al punto 1.7) del Disciplinare: “...i partecipanti al 2° grado del Concorso dovranno costituire un gruppo minimo di 3 (tre) professionisti, producendo, quale documentazione amministrativa per partecipare al secondo grado, una apposita dichiarazione sulla sua composizione” ;

La Documentazione Amministrativa da caricare nel sito del concorso è prevista al Punto 4.2) per il 1° grado e al punto 5.2) per il 2° grado

Tutte le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, ivi compreso il DGUE, la domanda di partecipazione, dovranno essere sottoscritte dal rappresentante legale del concorrente o suo procuratore. Il DGUE deve essere prodotto in formato pdf e sottoscritto con firma digitale (non deve essere prodotto alcun archivio digitale firmato digitalmente) da ogni partecipante alla procedura.

Tutte le dichiarazioni amministrative da inserire nella piattaforma dovranno essere redatte sui modelli predisposti e messi a disposizione dalla stazione.

Il dichiarante sarà tenuto ad allegare scansione di un documento di riconoscimento, in corso di validità (per ciascun dichiarante sarà sufficiente una sola copia del documento di riconoscimento anche in presenza di più dichiarazioni su più fogli o modelli distinti).

Tutta la documentazione da produrre dovrà essere in lingua italiana o, se redatta in lingua straniera, dovrà essere corredata da traduzione giurata in lingua italiana. In caso di difformità tra il testo in lingua straniera e testo in lingua italiana prevarrà la versione in lingua italiana; sarà onere del concorrente assicurare la fedeltà della traduzione.

FARE MOLTA ATTENZIONE Ciascun soggetto che compila il DGUE allega una dichiarazione integrativa in ordine al possesso dei requisiti di all’art. 80, comma 5 lett. f-bis e f-ter del Codice

Nell'ipotesi di un costituendo RTP nel 2° grado la mandataria deve, in ogni caso, possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria ai sensi dell’art. 83, comma 8 del Codice.

La mandataria di un raggruppamento temporaneo di tipo verticale, ai sensi dell’art. 48, comma 2 del Codice, esegue le prestazioni indicate come principali, anche in termini economici, le mandanti quelle indicate come secondarie.

FARE MOLTA ATTENZIONE: I requisiti cui al punto 3,2,1)del disciplinare (d.m. 263/2016) devono essere posseduti da ciascun operatore economico associato, in base alla propria tipologia (iscrizione all’Albo è posseduto dai professionisti che nel gruppo di lavoro sono incaricati dell’esecuzione delle prestazioni oggetto dell’appalto).

Per i raggruppamenti temporanei, è condizione di partecipazione la presenza, di almeno un giovane professionista ai sensi dell’art. 4 del d.m. 263/2016.

FARE MOLTA ATTENZIONE: relativamente ALL’ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE TENUTO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, artigianato e agricoltura deve essere posseduto da:

a.     ciascuna delle società raggruppate/raggruppande, consorziate/consorziande o GEIE;

b.     ciascuno degli operatori economici aderenti al contratto di rete indicati come esecutori e dalla rete medesima nel caso in cui questa abbia soggettività giuridica.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3) del disciplinare relativo alla COPERTURA ASSICURATIVA contro i rischi professionali deve essere soddisfatto dal raggruppamento nel complesso, secondo una delle opzioni di seguito indicate:

a)     somma dei massimali delle polizze dei singoli operatori del raggruppamento; in ogni caso, ciascun componente il raggruppamento deve possedere un massimale in misura proporzionalmente corrispondente all’importo dei servizi che esegue;

b)     unica polizza della mandataria per il massimale indicato, con copertura estesa a tutti gli operatori del raggruppamento.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto3.3.2) del disciplinare relativi ai SERVIZI DI INGEGNERIA E DI ARCHITETTURA espletati negli ultimi dieci anni:

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito dell’elenco dei servizi deve essere soddisfatto dal raggruppamento temporaneo nel complesso (mandanti e mandataria). Detto requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria.

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dell’elenco dei servizi in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3.2) del disciplinare relativo a due SERVIZI DI PUNTA deve essere posseduto:

a)            Nell’ipotesi di  raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito deve essere posseduto nel complesso.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto del raggruppamento in quanto non frazionabile;

b) Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dei due servizi di punta, in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

N.B.2: In caso di raggruppamenti temporanei, non è necessario che vi sia corrispondenza fra i requisiti dichiarati, i servizi che verranno eseguiti e le quote di partecipazione. E’ sempre consentita la possibilità di costituire raggruppamenti temporanei, anche di tipo sovrabbondante.

N.B.3: Come chiarito dal Consiglio dell’ANAC nella seduta del 14/11/2018, il possesso dei requisiti in misura maggioritaria da parte della mandataria deve essere inteso come tale in relazione ai requisiti richiesti dalla lex specialis di gara, a prescindere dagli importi totali posseduti. L’operatore economico, in possesso dei requisiti per essere mandatario del RTP, che voglia partecipare al raggruppamento invece quale mandante, potrà̀ spendere soltanto una parte dei requisiti posseduti, inferiori a quelli spesi dal concorrente che intende svolgere il ruolo di mandataria, in tal modo salvaguardando il principio del possesso dei requisiti in misura maggioritaria in capo a quest’ultima.

N.B.4:I raggruppamenti temporanei previsti dall’articolo 46, comma 1, lett. e), del Codice, ai sensi dell’articolo articolo 48, comma 4, del medesimo Codice, devono specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli soggetti riuniti o consorziati. Tale obbligo si ritiene assolto con l’indicazione, in termini descrittivi, sia delle singole parti del servizio da cui sia evincibile il riparto di esecuzione tra loro, sia di indicazione, in termini percentuali, della quota di riparto delle prestazioni che saranno eseguite dai singoli raggruppati. L’obbligo di indicare le parti del servizio da eseguire spetta indistintamente ai raggruppamenti orizzontali e verticali.

c)            nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo misto il requisito deve essere posseduto nel complesso della sub-associazione orizzontale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto della sub-associazione in quanto non frazionabile

si chiede se sia possibile partecipare al 1° grado in forma di concorrente singolo e successivamente, qualora si fosse selezionati per il 2° grado del concorso, costituire un RTI costituendo con altri soggetti al fine di soddisfare tutti i requisiti del bando richiesti al punto 1.7 e 3.2.1

Come indicato al punto 1.7) del Disciplinare: “...i partecipanti al 2° grado del Concorso dovranno costituire un gruppo minimo di 3 (tre) professionisti, producendo, quale documentazione amministrativa per partecipare al secondo grado, una apposita dichiarazione sulla sua composizione” ;

La Documentazione Amministrativa da caricare nel sito del concorso è prevista al Punto 4.2) per il 1° grado e al punto 5.2) per il 2° grado

Tutte le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, ivi compreso il DGUE, la domanda di partecipazione, dovranno essere sottoscritte dal rappresentante legale del concorrente o suo procuratore. Il DGUE deve essere prodotto in formato pdf e sottoscritto con firma digitale (non deve essere prodotto alcun archivio digitale firmato digitalmente) da ogni partecipante alla procedura.

Tutte le dichiarazioni amministrative da inserire nella piattaforma dovranno essere redatte sui modelli predisposti e messi a disposizione dalla stazione.

Il dichiarante sarà tenuto ad allegare scansione di un documento di riconoscimento, in corso di validità (per ciascun dichiarante sarà sufficiente una sola copia del documento di riconoscimento anche in presenza di più dichiarazioni su più fogli o modelli distinti).

Tutta la documentazione da produrre dovrà essere in lingua italiana o, se redatta in lingua straniera, dovrà essere corredata da traduzione giurata in lingua italiana. In caso di difformità tra il testo in lingua straniera e testo in lingua italiana prevarrà la versione in lingua italiana; sarà onere del concorrente assicurare la fedeltà della traduzione.

FARE MOLTA ATTENZIONE Ciascun soggetto che compila il DGUE allega una dichiarazione integrativa in ordine al possesso dei requisiti di all’art. 80, comma 5 lett. f-bis e f-ter del Codice

Nell'ipotesi di un costituendo RTP nel 2° grado la mandataria deve, in ogni caso, possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria ai sensi dell’art. 83, comma 8 del Codice.

La mandataria di un raggruppamento temporaneo di tipo verticale, ai sensi dell’art. 48, comma 2 del Codice, esegue le prestazioni indicate come principali, anche in termini economici, le mandanti quelle indicate come secondarie.

FARE MOLTA ATTENZIONE: I requisiti cui al punto 3,2,1)del disciplinare (d.m. 263/2016) devono essere posseduti da ciascun operatore economico associato, in base alla propria tipologia (iscrizione all’Albo è posseduto dai professionisti che nel gruppo di lavoro sono incaricati dell’esecuzione delle prestazioni oggetto dell’appalto).

Per i raggruppamenti temporanei, è condizione di partecipazione la presenza, di almeno un giovane professionista ai sensi dell’art. 4 del d.m. 263/2016.

FARE MOLTA ATTENZIONE: relativamente ALL’ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE TENUTO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, artigianato e agricoltura deve essere posseduto da:

a.     ciascuna delle società raggruppate/raggruppande, consorziate/consorziande o GEIE;

b.     ciascuno degli operatori economici aderenti al contratto di rete indicati come esecutori e dalla rete medesima nel caso in cui questa abbia soggettività giuridica.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3) del disciplinare relativo alla COPERTURA ASSICURATIVA contro i rischi professionali deve essere soddisfatto dal raggruppamento nel complesso, secondo una delle opzioni di seguito indicate:

a)     somma dei massimali delle polizze dei singoli operatori del raggruppamento; in ogni caso, ciascun componente il raggruppamento deve possedere un massimale in misura proporzionalmente corrispondente all’importo dei servizi che esegue;

b)     unica polizza della mandataria per il massimale indicato, con copertura estesa a tutti gli operatori del raggruppamento.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto3.3.2) del disciplinare relativi ai SERVIZI DI INGEGNERIA E DI ARCHITETTURA espletati negli ultimi dieci anni:

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito dell’elenco dei servizi deve essere soddisfatto dal raggruppamento temporaneo nel complesso (mandanti e mandataria). Detto requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria.

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dell’elenco dei servizi in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3.2) del disciplinare relativo a due SERVIZI DI PUNTA deve essere posseduto:

a)            Nell’ipotesi di  raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito deve essere posseduto nel complesso.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto del raggruppamento in quanto non frazionabile;

b) Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dei due servizi di punta, in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

N.B.2: In caso di raggruppamenti temporanei, non è necessario che vi sia corrispondenza fra i requisiti dichiarati, i servizi che verranno eseguiti e le quote di partecipazione. E’ sempre consentita la possibilità di costituire raggruppamenti temporanei, anche di tipo sovrabbondante.

N.B.3: Come chiarito dal Consiglio dell’ANAC nella seduta del 14/11/2018, il possesso dei requisiti in misura maggioritaria da parte della mandataria deve essere inteso come tale in relazione ai requisiti richiesti dalla lex specialis di gara, a prescindere dagli importi totali posseduti. L’operatore economico, in possesso dei requisiti per essere mandatario del RTP, che voglia partecipare al raggruppamento invece quale mandante, potrà̀ spendere soltanto una parte dei requisiti posseduti, inferiori a quelli spesi dal concorrente che intende svolgere il ruolo di mandataria, in tal modo salvaguardando il principio del possesso dei requisiti in misura maggioritaria in capo a quest’ultima.

N.B.4:I raggruppamenti temporanei previsti dall’articolo 46, comma 1, lett. e), del Codice, ai sensi dell’articolo articolo 48, comma 4, del medesimo Codice, devono specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli soggetti riuniti o consorziati. Tale obbligo si ritiene assolto con l’indicazione, in termini descrittivi, sia delle singole parti del servizio da cui sia evincibile il riparto di esecuzione tra loro, sia di indicazione, in termini percentuali, della quota di riparto delle prestazioni che saranno eseguite dai singoli raggruppati. L’obbligo di indicare le parti del servizio da eseguire spetta indistintamente ai raggruppamenti orizzontali e verticali.

c)            nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo misto il requisito deve essere posseduto nel complesso della sub-associazione orizzontale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto della sub-associazione in quanto non frazionabile

Qual è il perimetro dell'intervento? Il file relativo alla planimetria plano-altimetrica è, a dir poco, imbarazzante.

Il perimetro dell'intervento è individuato dalle particelle di cui alle visure catastali e all'estratto mappale, allegati alla documentazione tecnica.

L'elaborato che si definisce "imbarazzante" risulta essere un piano quotato di alcuni punti ritenuti significativi al fine di un corretto dimensionamento plano-altimetrico.

Si rammenta che il rilievo plano-altimetrico è un elaborato progettuale essenziale appartenente al livello progettuale definitivo, che dovrà essere compiutamente redatto dall'affidatario e che verrà corrisposto come desumibile dalla lettura del calcolo del compenso professionale.

Nella tabella del programma funzionale manca il punto 4.2. Possiamo modificare la tabella o bisogna lasciarla come è? Grazie

è stato pubblicato in revisione 01 il relativo Modulo di verifica del programma funzionale specifico.

Nel programma mancano locali accessori quali locali pulizie, cabina di trasformazione, ecc. Le superfici non indicate possono essere aggiunte alla tabella del programma funzionale o sono da considerarsi incluse in qualche altra voce?

La scuola deve essere realizzata nel rispetto di tutte le normative vigenti in materia. Le scelte progettuali sono a discrezione dei concorrenti, fatti salvi le esigenze e gli obiettividell'Amministrazione contenute nel Documento di Indirizzo alla Progettazione e le vigenti normative di settore.

L'importo lavori previsto (2.695.412,92€) include i costi di demolizione del fabbricato esistente? E i lavori per le sistemazioni esterne? E i lavori per la sistemazione della viabilità esterna al comparto? E gli arredi? Grazie

L'importo dei lavori pari a 2.695.412,92 € include i costi di demolizione del fabbricato, le sistemazioni esterne e della viabilità a servizio della struttura, mentre gli arredi sono esclusi, in quanto contemplati alla voce di stima di massima dei costi B.16.

Buongiorno, a pag. 10 del D.I.P. si parla di "eventuale ampliamento della scuola" (punto 4.1). Prego specificare meglio questo passaggio. Dobbiamo prevedere un impianto che possa essere ampliato in futuro?

L'eventuale ampliamento dell'edificio si riferisce all'attuale progettazione, ovvero è possibile prevedere, a discezione del partecipante, un ampliamento della struttura esistente.

E' possibile prevedere lo spostamento della strada che taglia in due il lotto, garantendo la servitù per le abitazioni circostanti? E' possibile prevedere lo spostamento del campo da calcetto esistente? Grazie

All'interno del lotto di intervento è lasciata discrezionalità ai concorrenti riguardo la viabilità, tenedo conto della funzionalità dell'impostazione del progetto. Si sottolinea che la strada interna all'area d'interesse non è a servizio delle abitazioni poste sul lato orientale del lotto, le quali hanno tutte accessi indipendenti.

Il lasso di tempo tra la pubblicazione delle risposte e la consegna è veramente esiguo, soprattutto per i tanti dubbi aperti che il bando e il materiale da voi fornito lasciano. E' possibile anticipare la pubblicazione delle risposte ai quesiti o, al limite, prorogare la consegna della prima fase? Grazie

Il riscontro ai quesiti posti verrà di volta in volta pubblicato sulla piattaforma concorsi.awn, rimanendo confermata la pubblicazione del verbale delle richieste di chiarimento e delle relative risposte come da cronoprogramma previsto nel disciplinare, evidenziando che il verbale succitato, sia relativo al 1° che al 2° grado, costituisce base giuridica specifica per lo svolgimento del concorso in oggetto come indicato al p.to 3.1 del disciplinare di concorso medesimo.

E' possibile ricevere le piante, i prospetti e le sezioni della scuola elementare esistente, con individuazione delle varie funzioni (soprattutto della mensa)?

Sono stati caricati i seguenti nuovi file:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Buongiorno, il sedime della scuola è da rispettare così come proposto nelle illustrazioni contenute nel DIP? Così anche come gli schemi di sezione? Grazie

Il Documento di Indirizzo alla Progettazione riporta gli obbiettivi e le esigenze che l'Amministrazione impartisce per l'esecuzione e la funzionalità dell'opera in oggetto, non vincolando in alcun modo le scelte progettuali per il raggiungimento delle specifiche necessità succitate.

Pertanto è demandata ai concorrenti la formulazione di una proposta progettuale che possa maggiormente soddisfare tali obbiettivi ed esigenze.

Salve, è possibile avere una carta riportante l'altimetria dell'area? Oppure è possibile scaricarla da qualche parte? Grazie

Nella sezione Documenti>>Documentazione tecnica sono presenti i seguenti elaborati che dovrebbero già soddisfare tale richiesta, ovvero:

1. inquadramento terriotriale estratto dalla Carta Tecnica Regionale con rispettive curve di livello;

2. un rilievo plano-altimetrico del lotto con individuazione dei punti quotati ritenuti maggiormente rappresentativi dell'area di intervento, n. 50.

Si rammenta che il rilievo plano-altimetrico di maggior dettaglio è richiesto quale singola prestazione nel livello progettuale definitivo, come desumibile dal calcolo del compenso professionale ai sensi del D.M. 17 giugno 2016.

Buonasera. Volevo chiedere se è possibile ampliare il gruppo nella seconda fase di concorso oppure se già dalla prima bisogna compilare tutti i dgue di chi costituirà il raggruppamento, grazie

Si fa presente che il disciplinare non vieta l'ampliamento del raggruppamento nella seconda fase del concorso.

Nonostante ciò, nel medesimo disciplinare a pag. 13 si prescrive, a pena di esclusione, quanto di seguito riportato:

"È vietato ai Concorrenti di partecipare alla procedura in più di un Raggruppamento temporaneo/Consorzio ordinario/GEIE.

È vietato al Concorrente, che partecipa alla procedura in Raggruppamento/Consorzio Ordinario/GEIE, di partecipare anche in forma individuale.

Il medesimo divieto sussiste per i liberi professionisti, qualora partecipi al Concorso, sotto qualsiasi forma, una società di professionisti o una società d’ingegneria della quale il professionista è amministratore, socio, dipendente, consulente o collaboratore a progetto) ai sensi di quanto previsto dagli artt. 2 e 3 del D.M. 2/12/2016, n. 263 La violazione di tali divieti comporta l’ESCLUSIONE dal Concorso di tutti i Concorrenti coinvolti."

 

Buonasera. Nel Documento di indirizzo alla progettazione si dice che l'attuale scuola ha 9 classi ma che per quella nuova ne sono previste 6. Si invita però a prendere in considerazione l'idea di mantenere le 9 aule per avere l'aula plus (indire). Nel programma funzionale tuttavia vengono riportate le quantità minime per 150 studenti, ovvero 6 classi. Se si volesse accogliere dunque il vostro invito a fare 9 classi, le 3 in più potrebbero essere più piccole di 45 mq? Volevo inoltre chiedere se le geometrie proposto dai grafici del Documento di indirizzo alla progettazione siano vincolanti, sia per quanto riguarda la scuola che la palestra. Grazie

Come indicato al p.to 4.2 "Cluster didattico" che si riporta testualmente "Il progetto prevede l’inserimento di 6 aule (dimensionamento minimo da D.M. 18/12/1975). La Scuola Martello ospita attualmente 3 sezioni; potrebbe quindi diventare strategico la previsione di utilizzo alternativo delle ulteriori 3 aule, immaginando una loro estensione o condivisione degli stessi spazi tra le diverse classi."  rimanendo fisso l'importo lavori presente nella stima di massima, ovvero pari a € 2.695.412,95 e delle superfici minime previste da D.M. 18/12/1975.

Gli schemi proposti nel D.I.P. sono puramente indicativi e non vincolanti, lasciando piena discrezionalità ai concorrenti nella proposta progettuale.

Nel documento di indirizzo alla progettazione (pagina 15 , all'interno del paragrafo della "Palestra") è così scritto "e' da prevedere una connessione esterna con il cortile che funga anche da punto di accesso indipendente per l'utilizzo extra-scolastico". Per "cortile" si intende quello antistante la scuola oppure quello nei pressi della futura palestra?

La palestra deve avere un collegamento con la scuola primaria oltre che avere un accesso indipendente per l'utilizzo extrascolastico, pertanto il cortile, o meglio gli spazi verdi comuni, devono essere previsti nella loro più ampia fruibilità, sia dall'interno che dall'esterno.

Nel documento di indirizzo alla progettazione viene indicata una palestra di tipo A1(altezza 5.40 m), mentre nel progetto di fattibilità viene richiesta una palestra regolamentare da pallavolo. La palestra regolamentare da pallavolo è di tipo A2 (altezza 7.50m). Quale tipologia di palestra è dunque richiesta?

Nel documento di indirizzo alla progettazione viene indicata una palestra di tipo A1, nel rispetto di qunto indicato nel D.M. 18/12/1975.

Il progetto di fattibilità pubblicato nella sezione relativa alla documentazione tecnica, è una proposta progettuale superata, in quanto ritenuta meno valida rispetto alla previsione di una riqualificazione dell'edificio mediante demolizione e ricostruzione sia sotto il profilo economico, analisi costi-benefici, sia sotto il profilo tecnico, relativo all'adeguamento sismico e funzionale con efficientamento energetico, attraverso la realizzazione di un immobile di tipologia NZEB, ed eventualmente con un contributo di produzione di energia da fonti rinnovabili eccedente rispetto al fabbisogno, al fine di mettere a disposzione la quota parte energetico in eccesso a servizio di altre utenze comunali o permettere la creazione di una comunità energetica ai sensi delle ultime disposizioni normative in materia.

Quale è la quota del piano terra della scuola elementare rispetto al cortile esterno? E quella del piano primo?

E' possibile desumere tali dati dai file che sono stati caricati successivamente alla pubblicazione, ovvero:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Si rammenta che l'attuale edificio ospitante la scuola secondaria di 1° grado "M. Martello", oggetto della presente procedura concorsuale, dovrà essere demolita e ricostruita.

E' possibile avere altre quote altimetriche sul confine nord del lotto oltre il campo del calcetto?

La richiesta al momento non può essere soddisfatta.

Buonasera. E' possibile avere delle basi dwg o anche raster più definite con riportate le curve altimetriche o perlomeno le quote fondamentali (ad esempio quota 0.00 della scuola primaria, quota copertura scuola primaria, etc)?

E' possibile desumere tali dati dai file che sono stati caricati successivamente alla pubblicazione, ovvero:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Si rammenta che l'attuale edificio ospitante la scuola secondaria di 1° grado "M. Martello", oggetto della presente procedura concorsuale, dovrà essere demolita e ricostruita.

Buon giorno, chiedo l'aggiunta alla vostra documentazione di alcune fotografie della strada interna di accesso alla scuola (via Leopardi) sia verso l'area campi gioco sia verso l'abitazione privata a conclusione del lotto. Le fotografie andrebbero messe a disposizione al più presto essendo importanti per definire il progetto, cordiali saluti.

Abbiamo provveduto al caricamento nella sezione Documenti di un allegato che speriamo possa soddisfare le esigenze evidenziate. All_20_Documentazione fotografica viabilità esterna.

Buon giorno, le risposte alle domande pervenute andrebbero inserite prima della scadenza prevista dell'otto ottobre in quanto rimarrebbero solamente 9 giorni per sviluppare ovvero modificare il progetto, cordiali saluti.

Il riscontro ai quesiti posti verrà di volta in volta pubblicato sulla piattaforma concorsi.awn, rimanendo confermata la pubblicazione del verbale delle richieste di chiarimento e delle relative risposte come da cronoprogramma previsto nel disciplinare, evidenziando che il verbale succitato, sia relativo al 1° che al 2° grado, costituisce base giuridica specifica per lo svolgimento del concorso in oggetto come indicato al p.to 3.1 del disciplinare di concorso.

Buongiorno. Si chiede se sia possibile ripensare il collocamento della palestra, nel rispetto del programma funzionale proposto. Si hiede inoltre se sia possibile rinunciare al campo sportivo all'aperto alla quota 0,semmai ricavandolo altrove. Grazie

Gli obiettivi e le esigenze dell'Amministrazione sono indicati nel documento di indirizzo alla progettazione (D.I.P.).

La palestra e il campo sportivo devono comunque essere realizzati all'interno del perimetro di intervento.

Buongiorno. Vorremmo costituire un gruppo temporaneo per la prima fase, in cui: - chi espleterà l'invio della piattaforma, siglerà digitalmente i file . È un architetto, iscritto all'albo ecc. che però non possiede i requisiti tecnico-economici richiesti dal concorso al paragrafo 3.3 - il legale rappresentante/capofila del gruppo, invece sì, e li ha espletati in un paese dell'UE - sarà presente anche un laureato e abilitato alla professione da meno di 5 anni. Siamo in regola? Non mi è chiaro se la prima figura professionale delle 3, deve anche lei avere i requisiti in possesso della seconda figura professionale citata.

Ai sensi del punto 3.2) del Disciplinare possono partecipare al concorso gli operatori economici in forma singola o associata, secondo le disposizioni dell’art. 46 del Codice, purché in possesso dei requisiti prescritti.

E' ammessa la partecipazione di Raggruppamenti Temporanei non ancora costituiti.

Ai soggetti costituiti in forma associata si applicano le disposizioni di cui agli artt. 47 e 48 del Codice.

È vietato ai concorrenti di partecipare alla gara in più di un raggruppamento temporaneo, pena l'esclusione di tutti i componenti del gruppo.

Relativamente ai Requisiti, nei raggruppamenti temporanei, la mandataria deve, in ogni caso, possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria ai sensi dell’art. 83, comma 8 del Codice.

Il requisito relativo alla COPERTURA ASSICURATIVA contro i rischi professionali di cui al punto 3.3) del disciplinare deve essere soddisfatto dal raggruppamento nel complesso, secondo una delle opzioni di seguito indicate:

  1. somma dei massimali delle polizze dei singoli operatori del raggruppamento; in ogni caso, ciascun componente il raggruppamento deve possedere un massimale in misura proporzionalmente corrispondente all’importo dei servizi che esegue;
  2. unica polizza della mandataria per il massimale indicato, con copertura estesa a tutti gli operatori del raggruppamento.

In merito ai requisiti del punto 3.3.2) DI CAPACITÀ TECNICA E PROFESSIONALE DI CUI ALL’ART. 83, COMMA 1, LETTERA C) DEL D. LGS. 50/2016

Nell’ipotesi di un raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito dell’elenco dei servizi deve essere posseduto, nel complesso dal raggruppamento, sia dalla mandataria, in misura maggioritaria, sia dalle mandanti.

Nell’ipotesi di un raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dell’elenco dei servizi in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

Il requisito relativo a due SERVIZI DI PUNTA deve essere posseduto:

Il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto del raggruppamento in quanto non frazionabile.

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dei due servizi di punta in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

Inoltre come chiarito dal Consiglio dell’ANAC nella seduta del 14/11/2018, il possesso dei requisiti in misura maggioritaria da parte della mandataria deve essere inteso come tale in relazione ai requisiti richiesti dalla lex specialis di gara, a prescindere dagli importi totali posseduti. L’operatore economico, in possesso dei requisiti per essere mandatario del RTP, che voglia partecipare al raggruppamento invece quale mandante, potrà̀ spendere soltanto una parte dei requisiti posseduti, inferiori a quelli spesi dal concorrente che intende svolgere il ruolo di mandataria, in tal modo salvaguardando il principio del possesso dei requisiti in misura maggioritaria in capo a quest’ultima

Si evidenzia che ai sensi dell’art. 4 del D.Lgs. n.263/2016 “Ferme restando le disposizioni di cui all'articolo 48 del codice, per i raggruppamenti temporanei costituiti dai soggetti di cui all'articolo 46, comma 1, lettera e) del codice i requisiti di cui agli articoli 2 e 3 devono essere posseduti dai partecipanti al raggruppamento. I raggruppamenti temporanei, inoltre, devono prevedere la presenza di almeno un giovane professionista, laureato abilitato da meno di cinque anni all'esercizio della professione secondo le norme dello Stato membro dell'Unione europea di residenza, quale progettista. Per le procedure di affidamento che non richiedono il possesso del diploma di laurea, il giovane deve essere in possesso di diploma di geometra o altro diploma tecnico attinente alla tipologia dei servizi da prestare abilitato da meno di cinque anni all'esercizio della professione secondo le norme dello Stato membro dell'Unione europea di residenza, nel rispetto dei relativi ordini professionali. I requisiti del giovane non concorrono alla formazione dei requisiti di partecipazione richiesti dai committenti”.

Per la comprova dei REQUISITI il concorrente non stabilito in Italia ma in altro Stato Membro o in uno dei Paesi di cui all’art. 83, co 3 del Codice, presenta dichiarazione giurata o secondo le modalità vigenti nello Stato nel quale è stabilito, inserendo la relativa documentazione dimostrativa nel sistema AVCPass. 

Buongiorno. Faccio un'osservazione: con la realizzazione del corpo da destinare a campo da gioco al chiuso e, in copertura, a campo di gioco all'aperto, si andrebbe ad interrompere il tracciato della strada a valle. Tale dato sarebbe da prendere in consierazione. hiedo dunque se il progetto deve trovare una soluzione alla criticità dello schema di progetto presentato ne DIP, o ripensando alla collocazione della palestra o lavorando sul sistema di viabilità. Grazie

In primis non è chiaro cosa si intenda per strada "a valle". Qualora si intendesse la strada che divide in due il lotto, si evidenzia che tale strada non serve nessun altro edificio, in quanto gli immobili residenziali esterni ed adiacenti al perimetro di intervento hanno accessi indipendenti, e pertanto sarebbe possibile un'interruzione della suddetta strada o addirittura una rimodulazione della stessa viabilità interna al lotto. Tali scelte progettuali rientrano nella più ampia discrezionalità del progettista partecipante.

Salve, 1. Non riusciamo a capire bene le intezioni del programma del Cluster didattico. Sono da progettare 3 aule con dimensionamento standard e poi 3 aule cosidette AULA PLUS ? con il min. requisito di 270 m2 in totale . O sono da progettare 6 aule di dimensionamento standard min. 270m2 e in aggiunta le cosidette AULA PLUS? 2. Le 3 stanze TEAL da progettare ( dalla tabelle EXCEL ) sono parte delle Attivita integrative e parascolastiche ? O sono parte delle attivita speciali insieme ai 2 laboratori di Scienze e Arte? In quest"ultimo caso quali sarebbero da considerare attivita integrative e parascolastiche ? 3. Sono solo i 2 laboratori di Scienze e Arte parte dei 150 m2 delle Attivita speciali? 4. L auditorium o Teatro e consideratto parte elle Attivita speciali o delle attivita integrative? 5. Le aule insegnanti sono parte delle attivita complementari ? Grazie dei chiarimenti

1. Il D.M. 18/12/1975 prevede come numero minimo di classi per una scuola secondaria di 1° grado un numero di aule didattiche pari a 6, ciascuna di dimensione minima di 45 mq. Pertanto sono da progettare minimo n. 3 aule e in aggiunta n. 3 ambienti definiti AULA PLUS, che abbiano le caratteristiche delle aule didattiche, al fine di garantire i requisiti minimi del D.M. medesimo, pertanto con dimensionamenti minimi previsti dal D.M. 1975 stesso, pari a 45 mq, per un complessivo di 270 mq.

2. In funzione della scelta prevista al fine del rispetto del dimensionamento minimo per una scuola secondaria di 1° grado di cui al D.M. 1975, le 3 aule TEAL appartengono o alle attività didattiche, (caso 3 aule didattiche + 3 aule didattiche come AULA PLUS) o eventualmente alle attività speciali, (caso 6 aule didattiche + 3 AULA PLUS), vista la loro peculiarità. Pertanto è possibile prevedere quali ambienti da dedicare alle attività integrative e parascolastiche altri spazi, assimilabili all'auditorium o Teatro, configurando tali ambienti nell'ottica della polivalenza.

3. Come previsto al p.to 1 del presente quesito, rientrano in tale categoria le n. 3 aule TEAL, nel caso si prediliga la configurazione 6 aule didattiche + 3 aule plus.

4. Come previsto al p.to 2, l'auditorium o il Teatro sono considerate attività parascolastiche e integrative.

5. Le aule insegnati appartengono alle attività complementari, assimilabili ad uffici.

Operando un'operazione di demolizione e ricostruzione, si dovrà mantenere un volume di 5.646 mc, o il volume può essere ampliato ?

Può essere ampliato nel rispetto dei parametri urbanistici di zona previsti dalle norme tecniche di attuazione del PRG vigente, del regolamento edilizio.

La palestra seminterrata posizionata a nord dovrà essere conteggiata nel volume totale di ricostruzione di 5.646 mc ?

Essendo un manufatto a servizio delle attività scolastiche, deve essere parte del volume totale del nuovo edificio adibito a scuola secondaria di 1° grado, fruibile anche dagli studenti dell'adiacente scuola primaria, ed eventualmente concesso ad attività extrascolastiche, pertanto accessibile agevolmente anche dall'esterno della struttura.

Il volume del nuovo edificio può essere soggetto ad ampliamento nel rispetto dei parametri urbanistici di zona disciplinati dalle norme tecniche di attuazione del PRG e dal regolamento edilizio comunale vigenti.

Si chiede di specificare se per l'elaborato stima economica (punto 4.1.4 del disciplinare) e' stato definito un formato e un numero massimo di pagine a cui attenersi. In alternativa si chiede di confermare che sia lasciata libertà di scelta al concorrente

Non è stato definito un formato per l'elaborato della stima economica, comunque nel rispetto dell'anonimato, requisito specifico del concorso di progettazione come previsto al p.to 4.1.4.

Si fa presente che all'interno del file dwg che dovrebbe contenere planimetrie e prospetti della scuola elementare non è presente il file pdf incluso come riferimento esterno denominato EG_02-A_PSF - PIANTE STATO DI FATTO - 1 e pertanto non si vede nulla se nojn alcune linee di contorno in formato cad. Chiediamo di caricare tra la documentazione anche questo file EG_02-A_PSF - PIANTE STATO DI FATTO - 1 e tutti gli altri eventuali pdf contenenti i disegni. Grazie

Abbiamo provveduto alla pubblicazione di un file in formato .dwg che riporta le planimetrie e i prospetti della scuola primaria "G. Ginobili" adiacente alla scuola secondaria di 1° grado "Marco Martello", oggetto del presente concorso.

In risposta ad una precedente domanda avete chiarito che "perimetro dell'intervento è individuato dalle particelle di cui alle visure catastali e all'estratto mappale, allegati alla documentazione tecnica". Ricavando le superfici di tali particelle ( 238,294,297,561,371), sembrerebbe quindi che tutta l'area prospiciente alla scuola elementare ( corrispondente alla particella 511 e 698 ) sia esclusa dal perimetro di intervento. Si chiede di chiarire se si possa o meno intervenire nello spazio esterno posto a sud della scuola elementare per inserirlo nel disegno complessivo dello spazio esterno.

La invitiamo a consultare la planimetria integrativa pubblicata nella sezione documenti della piattafroma dedicata al fine di chiarire definitivamente l'area oggetto dell'intervento di cui trattasi, di cui all'all.19 in revisione 01.

Buongiorno. E' possibile a livello progettuale rovesciare la posizione del campo da calcio con l'area sportiva a fianco? Quindi venendo dalla stradina di ingresso si incontrerebbe prima il campo da calcio? Attualmente c'e una differenza di materiale impiegato sulla realizzazione del sottofondo del campo da calcio con l'area destinata a sport a fianco?

Si invita a prendere visione dell'all.19 in revisione 01 e della rispettiva nota di chiarimenti in merito.

In riferimento al punto 4.1.4 - STIMA economica, contenuta all'interno degli elaborati progettuali richiesti per il I grado, si chiede se questa deve essere redatta su uno specifico formato e se esistono limiti di pagine.

Nel rispetto dell'anonimato, l'unico formato disponibile per la presentazione della modulistica tecnica per la partecipazione al presente concorso è quella pubblicata sulla piattaforma concorsiawn.it nella sezione Documenti del concorso di progettazione in questione.

La stima economica deve essere impaginata secondo il formato previsto per la relazione illustrativa, senza alcuna limitazione nel numero di caratteri, nel rispetto della dimensione massima ammessa e caricabile sulla piattaforma concorsiawn.it. come previsto al p.to 4 del disciplinare di concorso medesimo.

Domanda n. 1 E' possibile disporre di una planimetria generale dello stato di fatto in dwg, edifici, lotti di pertinenza e strade circostanti, comprensiva di entrambe le scuole? Dove è possibile reperire un rilievo aerofotogrammetrico dwg relativo al comune di Petriolo? Domanda n. 2 Nei disegni messi a disposizione (scuola elementare.dwg) manca il file del riferimento esterno da caricare: EG_02-A_PSF - PIANTE STATO DI FATTO.pdf. E' possibile avere questo file? Domanda n. 3 Un architetto junior, regolarmente iscritto nella sezione B, può far parte della rtp come concorrente?

1. Purtroppo non è a nostra disposizione una planimetria in formato .dwg che rappresenti l'insieme del contesto, ma solo gli edifici contigui adibiti ad uso scolastico separatamente, e il rilievo planoaltimetrico effettuato prima dell'indizione del concorso, che individua i punti quotati più rilevanti sotto il profilo dell'individuazione degli elementi cartografici;

2. Si è provveduto a caricare opportunamente il file della scuola elementare corretto con estensione .dwg. Ci scusiamo per il disagio.

3. Come previsto dal disciplinare di concorso non vi sono limitazioni al numero dei partecipanti della RTP, fatta salva la regolare costituzione del gruppo minimo di lavoro secondo quanto indicato al par. 3.3 del disciplinare di concorso.

Buonasera, Si può rovesciare la posizione del campo da calcio con lo spazio destinato alla palestra?

No. Il campo da calcio è attualmente oggetto di un altro appalto.

Si invita a prendere visione dell'all.19 in revisione 01 e relativa nota di chiarimenti in merito, pubblicati in data 05/10/2020.

Buongiorno, il file "scuola elementare.dwg" caricato nella sezione documenti contiene delle external references che non sono comprese nell'archivio .zip, pertanto all'apertura il file non viene visualizzato correttamente. E' possibile fornire il file "EG_02-A_PSF-PIANTE STATO DI FATTO.pdf" al fine di visualizzare correttamente i disegni? Grazie

Provvederemo a caricare il file di riferimento esterno in relazione alle planimetrie e prospetti dell'adiacente scuola primaria. Ci scusiamo per il disagio.

Si chiede di confermare che l'altezza massima realizzabile è pari a 10 ml fuori terra, come previsto dall'art 30 del Prg Grazie

Come desumibile dalle norme tecniche di attuazione del PRG, art. 30, l'altezza massima consentita è pari a 10 metri fuori terra.

Tenendo conto che il concorso è in forma anonima e che eventuale raggruppamento può essere formato o modificato in seconda fase, tra i materiali da consegnare in prima fase occorre includere il PASSOE?

Al punto 3.11) del Disciplinare è indicato che l’operatore economico singolo o associato che intende partecipare al concorso al fine di consentire all’Amministrazione di effettuare i controlli necessari, dovrà̀ presentare il documento attestante l’attribuzione del PassOE rilasciato dall’ANAC in sede di registrazione. Pertanto, tutti i soggetti interessati a partecipare alla procedura concorsuale devono, obbligatoriamente, registrarsi al sistema AVCPass.

Nel punto 3.11 è riportato: "l'operatore economico singolo o associato che intende partecipare al concorso al fine di consentire all'Amministrazione di efettuare i controlli necessari, dovrà presentare il documento attestante l'attribuzione del PassOE rilasciato dall'ANAC in sede di registrazione": potete esplicitare di cosa si tratta?

Come indicato nel Disciplinare al puntyo 4.3) Non costituiscono richieste di chiarimenti quelle concernenti l’assistenza tecnico-specialistica legata all'utilizzo dell’AVCPass, risolvibili attraverso l’assistenza tecnica messa a disposizione dall’ANAC. Comunque è possibile trovare tutte le informazioni utili al link: https://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/Servizi/ServiziOnline/AVCpass

  1. Essere registrati come utenti dei servizi dell’Autorità come descritto nella sezione Registrazione e Profilazione Utenti
  2. Richiedere il profilo di “Amministratore OE” associato al soggetto rappresentato “Operatore economico” dalla pagina di creazione profili
  3. Procedere con l’attivazione del profilo secondo le modalità operative descritte nel Manuale utente per la registrazione e la profilazione degli utenti
  4. Accedere al servizio

Salve, volevo chiedere se sia corretto, per quanto rigurada la documentazione amministrativa per l ammisione al primo grado di concorso , allegare : ( 4.2 del Bando ) MA.01 istanza di partecipazione MA.02dichiarazione integrativa DGUE MA.03 il modulo DGUE solo la parte III ( motivi di esclusione) Accettazione delle norme contenute nel presente disciplinare di Concorso; quale allegato? ( pag.38 del Bando con firma ? ) Copia documento d' identita.

Corretto, si evidenzia in merito che il Modulo DGUE deve essere compilato integralmente, per le parti di competenza da ogni partecipante.

In merito all'espressione segunete: “accettazione delle norme contenute nel presente disciplinare di Concorso”, s’intende un’autodichiarazione predisposta da ogni partecipante

Salve quali sono le dimensioni minime previste per i laboratori ? e per le aule TEAL ?

Il riferimento normativo principale consiste nel D.M. 18/12/1975 che indica i contenuti minimi da rispettare per la realizzazione di edifici adibiti ad uso scolastico, e nel caso in specie, di una scuola secondaria di 1° grado (ex scuola media). Pertanto occorrerà tenere presente il dimensionamento degli spazi in funzione del D.M. succitato, per tutte le tipologie di attività ricomprese all'interno di una progettazione di una scuola secondaria di 1° grado.

In particolare, come specificato in precedenti quesiti, i laboratori appartengono nello specifico ad attività speciali.

Le aule TEAL, AULE PLUS, in funzione delle scelte progettuali adottate dal progettista, possono ricadere in attività didattica se previste come 3 aule suppletive alle 3 aule normali, aventi dimensioni minime previste da D.M. 18/12/1975, oppure ricadere in attività speciali se previsto il numero minimo di n. 6 aule normali dedicate ad attività didattica.

Vedasi quanto previsto nel D.I.P., par. 4.2 -Programma Funzionale - p.to 2.- Cluster didattico.

La nuova struttura deve prevedere uffici amministrativi? In caso affermativo quale superficie approssimativa si dovrebbe dedicare?

Devono essere ricompresi degli spazi destinati ad uffici amministrativi con le indicazioni desumibili dal D.M. 18/12/1975 tra le attività complementari, in base anche a quanto descritto in tabella 7 di pagina 19 del D.I.P. in coerenza a quanto descritto al par. 4.2 - Programma funzionale del medesimo D.I.P.

Chi ha scritto il DIP? Quello si che è davvero "imbarazzante"!

Il Documento di Indirizzo alla Progettazione è stato redatto in collaborazione con l'Università Politecnica delle Marche, Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura.

Non si comprendono la necessità nè tantomeno le valutazioni che hanno condotto ad un simile giudizio.

Si invita pertanto a evidenziare eventuali carenze della presente documentazione al fine di migliorare la documentazione a supporto della progettazione, quale obiettivo del presente concorso.

Buongiorno, stiamo riscontrando problemi di corrispondenza tra il materiale da voi fornito e altri strumenti che stiamo utilizzando per completare una sorta di planimetria di insieme che risulta mancante nei documenti tecnici a disposizione. In particolare l' all.08 rilievo plano-altimetrico risulta essere discordante dalla c.t.r. cosi come volendo tentare una sovrapposizione tra un estratto di mappa fotogrammetrica e l'allegato da voi fornito, per cercare di ricostruire graficamente l'intorno dell'area di progetto, si riscontrano problemi di corrispondenza. Riteniamo che sia opportuno ricevere una planimetria affidabile, ma soprattutto completa di tutti quegli elementi imprescindibili per una buona progettazione, anche se preliminare, persino il lotto di intervento, non indicato nell'allegato 08, se sovrapposto all'estratto di prg e adeguatamente scalato, sembra non corrispondere. Ci chiediamo a questo punto quale sia l'elaborato più affidabile da utilizzare come punto di partenza? O se fosse possibile fornire materiale adeguato ad una progettazione degna di essere chiamata tale. Cordiali saluti.

L'allegato 08 riporta punti quotati dell'area su cui è possibile intervenire, ovvero sono stati considerati e misurati i punti ritenuti rilevanti dell'area di intervento.

A nostro parere sembra ovvio non avere perfetta corrispondenza tra la Carta Tecnica Regionale, che ricordiamo è redatta in scala 1:10.000, l'estratto mappale, in scala 1:2.000.

Inoltre va considerato che le due carte hanno differenti sistemi di riferimento, risultando la sovrapposizione delle stesse difficilmente coincidenti.

Pertanto, alla luce delle considerazioni sopra esposte, appare chiaro che il rilievo planoaltimetrico effettuato per il concorso di progettazione in oggetto risulta l'elaborato più affidabile tra quelli citati.

Si invita a consultare la planimetria di cui all'all.19 in revisione 01 e relativa nota di chiarimenti, di recente pubblicazione (05/10/2020).

Buongiorno, sono iscritto all'ordine degli architetti ma, al momento, non ho partita IVA, posso partecipare alla prima fase del concorso?

Possono partecipare al concorso i soggetti di cui all’art. 46, del D.Lgs. 50/2016, in possesso dei requisiti prescritti nel D.M n.263/2016 che non siano soggetti alle cause di esclusione di cui all’art.80, nel rispetto dei criteri di selezione di cui  all'art.83 del Codice. Se si intende costituire un RTP capogruppo devono essere in possesso dei requisiti di cui all'art.4 del D.M.n.263/2016.

Verificata comunque l'obbligatorietà̀ assicurativa, ai sensi dell'art. 5 del Decreto Legislativo 137/2012, per ogni concorrente singolo, associato, ecc.;

Il possesso di partita iva non è un requisito del concorso. Si suggerisce di approfondire, in ogni caso, le modalità̀ dell’emissione di fattura in caso di aggiudicazione dei premi e/o dell’incarico.

Buon giorno, Si chiede un chiarimento sulla documentazione richiesta al punto "4.1) ELABORATI PROGETTUALI RICHIESTI PER IL 1° GRADO" punto "4.1.2 - N.2 tavola grafica A1" Visti la quantità e la scala grafica degli elaborati richiesti da inserire nella tavola, sembra più che sufficiente l'utilizzo di 1 TAVOLA A1. Inoltre si nota che tutta la descrizione della documentazione è al "singolare". Si chiede quindi se l'indicazione "N.2" è un refuso o un errore, e dunque se, in realtà, si debba presentare solo N.1 tavola grafica A1?

Il disciplinare prevede la possibilità di presentare un numero massimo di tavole pari a n.2 in formato A1. Qualora l'operatore economico ritenga sufficiente la presentazione di una sola tavola grafica che possa esprimere la proposta progettuale nella sua completezza, quasta soluzione non è vincolante ai fini della valutazione.

Salve, vorrei sapere se la particella 562 fa parte del lotto scolastico.

No. La particella 562 non appartiene al lotto scolastico in quanto di proprietà altrui.

si chiede di chiarire se, nelle tavole A1, oltre alle viste tridimensionali esterne (nel numero massimo di 2), possono essere inserite anche viste tridimensionali degli spazi interni.

Si, nel rispetto dei formati e del numero delle tavole previste dal disciplinare di concorso (massimo n. 2 tavole in formato A1).

Salve, ho scaricato il file compresso "Planimetrie scuole.zip" con le planimetrie delle scuole recentemente aggiunto, il file DWG della scuola elementare richiede il riferimento esterno EG_02-A_PSF - PIANTE STATO DI FATTO - 1.PDF non incluso nell'archivio ZIP. È possibile avere questo file?

Si è provveduto alla pubblicazione del file in formato .dwg delle planimetrie e dei prospetti relativi alla scuola primaria. Ci scusiamo per l'inconveniente.

Buongiorno, scrivo per chiedere informazioni riguardanti la strada a valle denominata via Giacomo Leopardi: - è di proprietà comunale? - se sì, è possibile modificarne l'altimetria pur mantenendo costanti le quote di inizio e fine strada (c.a. 260 m slm - 262,5 m slm) - sarà destinata ancora al traffico carrabile o resa esclusivamente pedonale?

Con riferimento al primo quesito si riscontra che Via Giacomo Leopardi, strada posta a sud rispetto agli edifici scolastici, identifica l'unico accesso alla particella individuata al foglio n. 5 p.lla n. 177, di proprietà privata, che deve essere garantito e mantenuto il traffico sia carrabile che pedonale.

In merito alla seconda parte del quesito la risposta è affermativa, rientrando tale scelta nella piena discrezionalità del progettista.

Buonasera, considerato che l'altezza della palestra di tipo A1 è pari a 5,40 mt e che la copertura di questa va attestata alla quota del piano terra delle due scuole, si chiede se il campo da calcetto può essere abbassato da -4mt a -5.40mt in modo da avere un collegamento diretto con i servizi ed il campo da gioco.

Occorre precisare che non è possibile intervenire sul campo da calcetto direttamente, in quanto oggetto attualmente di un altro intervento in fase prodromica all'esecuzione, ma solo il collegamento di questo agli edifici scolastici e all'esterno.

Buonasera, vorrei chiedere se è possibile avere un layout per la stesura della stima economica e del cronoprogramma. In caso negativo si chiede indicazioni sul formato, il numero di pagine e se entrambi devono essere presentati in unico documento. grazie

La stima economica e il cronoprogramma sono a corredo della relazione illustrativa. Nel rispetto dell'anonimato su cui è basato il presente concorso di progettazione, è opportuno presentare tale documentazione con il format dedicato alla relazione illustrativa, con le modalità e le limitazioni riportate al p.to 4) del disciplinare del concorso (pag. 25/38).

Buonasera, vorrei sapere il valore dell'imposta di bollo relativa alla domanda di partecipazione.

Il valore della marca da bollo prevista per la presentazione della sola domanda di partecipazione è pari a quella di valore corrente, ovvero pari a 16,00 euro per ogni foglio, precisando che ciascun foglio è composto da 4 facciate.

Buongiorno, pur essendo regolarmente iscritto all'ordine degli architetti, al momento, non ho la partita IVA. Vorrei sapere se mi è consentita la partecipazione alla prima fase del concorso.

Possono partecipare al concorso i soggetti di cui all’art. 46, del D.Lgs. 50/2016, in possesso dei requisiti prescritti nel D.M n.263/2016 che non siano soggetti alle cause di esclusione di cui all’art.80, nel rispetto dei criteri di selezione di cui  all'art.83 del Codice. Se si intende costituire un RTP capogruppo devono essere in possesso dei requisiti di cui all'art.4 del D.M.n.263/2016.

Verificata comunque l'obbligatorietà̀ assicurativa, ai sensi dell'art. 5 del Decreto Legislativo 137/2012, per ogni concorrente singolo, associato, ecc.;

Il possesso di partita iva non è un requisito del concorso. Si suggerisce di approfondire, in ogni caso, le modalità̀ dell’emissione di fattura in caso di aggiudicazione dei premi e/o dell’incarico.

Salve, in relazione all'individuazione esatta del lotto d'intervento, lette le vostre risposte in merito e vista la discrepanza tra l'area indicata da PRG con destinazione "attrezzature per l'istruzione dell'obbligo " e l'elenco delle particelle catastali, si chiede un elaborato grafico che indichi in maniera univoca il perimetro del lotto d'intervento con i relativi distacchi previsti da norma e in particolare quello dal fronte est verso la particella 177.

Per quanto riguarda l'esatta individuazione dell'area di intervento è possibile fare utile riferimento all'all.19 in revisione 01 pubblicato nella sezione documenti in data 05/10/2020 con relativa nota di chiarimento.

In merito ai distacchi il nuovo edificio, quale proposta progettuale da presentare per il concorso di progettazione in questione, dovrà rispettare quanto previsto dalle Norme Tecniche di Attuazione, regolamento edilizio e norme vigenti di settore (cfr. art. 2.bis, comma 1.ter, d.P.R. 380/2001 come di recente modificato).

Salve, l'auditorium polifunzionale deve assere aperto ovvero all'esterno della scuola ma all'interno del paesaggio didattico; è destinato agli studenti per rappresentazioni e manifestazioni , vorrei conoscere la capienza della tribuna polifunzionale che va commisurata al numero degli alunni.

Il numero massimo degli alunni previsto per il nuovo edificio risulta pari a 150 alunni, nel rispetto dei requisiti previsti nel D.M. 18/12/1975, ovvero 6 classi con numero massimo per classe di 25 alunni.

Si veda pag. 12 del D.I.P., in cui sono riportate le indicazioni di cui tener presente per la progettazione dell'Auditorium polifunzionale, a cui va integrato quanto previsto nella tabella 7 di pagina 19 de medesimo D.I.P.

Buongiorno, in merito al numero di aule previste per la nuova scuola si chiede di confermare che sono previste in totale 6 aule (3 + 3). Si chiede inoltre di specificare cosa comprendono le attività integrative e parascolastiche (90 mq) indicate nella tabella 7 di pagina 19.

Si, si fa presente che occorre comunque rispettare le indicazioni minime richiamate nel D.M. 18/12/1975, in cui è specificato che il minimo numero di aule dedicate alla didattica previsto è pari a n. 6 aule con un minimo di 45 mq ciascuna, per un totale complessivo pari a 270 mq.

In relazione alle attività integrative e parascolastiche si faccia riferimetno al p.to 3.4 del D.M. 18/12/1975, in particolare al p.to 3.4.2.

Salve. Ho notato una discrepanza tra il FAC-SIMILE delle tavole e la descrizione dello stesso. Nel FAC-SIMILE dato il codice alfanumerico, che presumibilmente sarà di 8 caratteri, si trova in basso a destra , in posizione verticale. Si richiede però, da disciplinare di concorso (pagina 25):" Il partecipante dovrà inserire il numero della tavola e il Codice alfanumerico prescelto per il 1° grado da porre in alto a destra di ciascuna tavola...ecc." Ci riferiamo al FAC-SIMILE o al disciplinare?

Abbiamo preso atto di tale discrepanza, e chiediamo venia per quanto riportato nel disciplinare di concorso. Va da sè che fa fede la modulistica tecnica, al fine di garantire l'anonimato.

Pertanto, appare evidente che l'errata corrige è da effettuarsi con riferimento al disciplinare di concorso, sostituendo le parole "in alto a destra.." con le seguenti "in basso.." conformemente alla configurazione dei modelli in formato .dwg caricati sulla piattaforma all'uopo predisposta.

Vorremmo sapere cosa sia lo spazio calmo per disabili riferito alla palestra. Come dobbiamo interpretarlo?

Lo spazio calmo/disabili è quello previsto all'interno del piano anticendio al fine della salvagurdia di eventuali persone diversamente abili presenti all'interno dell'edificio scolastico.

Buongiorno, Ho controllato i documenti ma non ho trovato il file AutoCad della città. La mappa della città era in versione pdf. È possibile che condividi anche il file AutoCad della città?

Purtroppo non è disponibile quanto richiesto per il fine di cui al presente concorso di progettazione.

Salve, e' possibile avere ben delineata l'area di pertinenza delle scuole (confini).

Si invita a prendere visione dell'all.19 e relativa nota di chiarimenti dell'area di intervento e relative pertinenze.

In riferimento al punto 4.1.2 del disciplinare di concorso "Tavola grafica" si chiede: 1) é possibile inserire immagini renderizzate e/o fotoinserimenti 2) se si le immagini render sono ricomprese nel numero massimo di 2 rappresentazioni tridimensionali o per rappresentazione delle volumetrie si intende elaborati di tipo assonometrico?

Con riferimento al primo quesito la risposta è affermativa.

Con il riferimento al secondo quesito la risposta è affermativa.

Si rammenta che il numero massimo di tavole e il formato devono essere massimo n. 2 tavole in formato A1.

Nella documentazione ammnistrativa allegata, all'interno del documento: "MA_01_Istanza di partecipazione", alle voci finali N.B.:  IN CASO DI COMPONENTE DI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO NON ANCORA COSTITUITO:  i raggruppamenti temporanei non ancora costituiti devono allegare idonea dichiarazione contenente la nomina del capogruppo e l'indicazione del giovane professionista, utilizzando preferibilmente l'allegato 2 Si chiede di allegare alla documentazione l' "allegato 2" sopra citato o di chierire meglio dove si trova.

Abbiamo provveduto a pubblicare l'allegato 2, quale dichiarazione contenente la nomina del capogruppo e l'indicazione del giovane professionista, nella sezione documenti sulla piattaforma all'uopo predisposta.

Spett. stazione appaltante, la mancanza di un collegamento all'interno del file "Scuola elementare.dwg" non consente la completa visione delle planimetrie della scuola primaria. Si chiede pertanto se è possibile avere il file completo di tutti i riferimenti esterni.

Il file della scuola elementare.dwg pubblicato in data 01/10/2020 risulta visibile nella sua interezza.

Si invita pertanto a prendere visione del file sopra richiamato per una completa visione dell scuola primaria "G. Ginobili".

Salve, è la terza volta che scrivo per chiedere un chiarimento e, visto che si avvicina la scadenza del concorso, vorrei sapere se, essendo al momento privo di partita IVA (e comunque iscritto regolarmente all'ordine degli architetti) posso partecipare alla prima fase del concorso. Grazie

Possono partecipare al concorso i soggetti di cui all’art. 46, del D.Lgs. 50/2016, in possesso dei requisiti prescritti nel D.M n.263/2016 che non siano soggetti alle cause di esclusione di cui all’art.80, nel rispetto dei criteri di selezione di cui all'art.83 del Codice. Se si intende costituire un RTP capogruppo devono essere in possesso dei requisiti di cui all'art.4 del D.M.n.263/2016. Verificata comunque l'obbligatorietàÌ€ assicurativa, ai sensi dell'art. 5 del Decreto Legislativo 137/2012, per ogni concorrente singolo, associato, ecc.; Il possesso di partita iva non è un requisito del concorso. Si suggerisce di approfondire, in ogni caso, le modalitàÌ€ dell’emissione di fattura in caso di aggiudicazione dei premi e/o dell’incarico.

In riferimento al fan-simile delle tavole grafiche si chiede se le linee della squadratura devono rimanere visibili o si possono eliminare lasciando invariata la posizione e dimensione dei testi.

Nel rispetto dell'anonimato, occorre rispettare il formato e gli standard imposti ai format degli elaborati progettuali pubblicati nella documentazione tecnica messa a disposizione per la presentazione della proposta progettuale in oggetto.

1. Dobbiamo considerare il distacco da NTA di 5 m anche dall'attuale recinzione sul tratto sud di via Leopardi che consente accesso alla particella 177? 2. È possibile cambiare il disegno di questa strada mantenendo comunque l'attuale accesso alla particella 177? Vi segnaliamo che i due progetti contenuti nel Documento di indirizzo alla progettazione e nel Progetto di fattibilità tecnica economica (addirittura questo progetto pone il fronte sud sulla recinzione) non tengono conto evidentemente di alcuna restrizione.

Nell'ambito della riconfigurazione della viabilità, è possibile modificare l'attuale strada posta a sud, garantendo comunque l'accesso all'unità immobiliare distinta al foglio n. 5 p.lla 177 da via G. Leopardi, in quanto unico accesso al medesimo immobile.

Si invita a rispettare quanto indicato nelle Norme tecniche di attuazione, regolamento comunale edilizio e normativa di settore vigenti (si veda art. 2.bis, comma 1.tere, d.P.R. n. 380/2001 come di recente modificato).

 

Nel D.I.P. viene descritto che la palestra deve essere realizzata semi-interrata, nella zona a nord dell’edificio, a valle della scuola, a fianco del campo da calcetto. Nel allegato 19 (zona di intervento), il tratteggio rosa che individua l'area d'intervento non include la posizione della nuova palestra. Si prega di meglio specificare se scuola e palestra devono essere all'interno della stessa area d'intervento (zona tratteggio rosa) o se l'area d'intervento comprende anche la zona a nord a fianco del campetto.

Al p.to 4.2 - Programma funzionale è previsto testualmente: "Le indicazioni progettuali grafiche sono da intendersi puramente indicative e non vincolanti, utili al progettista come linee di indirizzo per una progettazione creativa degli spazi per la formazione".

Cià premesso, in riferimento all'esatta individuazione dei volumi edilizi previsti nella progettazione de quo, si invita a prendere visione della nota di chiarimenti e del relativo all.19 in revisione 01 dove è meglio precisato quale area sia oggetto di intervento e quali aree non siano oggetto del presente intervento, ovvero vincolate, in quanto area presso cui insiste la scuola primaria e la zona del campetto sportivo, questo ultimo oggetto di un intervento di riqualificazione di imminente avvio all'esecuzione dei lavori.

Buongiorno, in data 01.10 avete messo a disposizione un nuovo documento denominato all.19 zone di intervento. Tale documento sembra in contraddizione con quanto risposto a uno dei quesiti e con il documento indirizzo alla progettazione. Si chiede di chiarire quali interventi possono essere eseguiti all'interno del retino magenta denominato "area oggetto di intervento" e quali all'interno del retino ciano " area di connessione funzionale". In particolare si chiede di chiarire se la palestra può essere posizionata al di fuori del retino magenta.

Per maggior chiarezza e completezza, la invitiamo a prendere visione del documento in revisione 1 all.19.

Si chiede di chiarire, ai fini della stima dei costi, se vanno computate tutte le opere di progetto relative alla viabilità interna al lotto. In particolare alla luce del nuovo documento messo a disposizione allegato 19 zone di intervento, si chiede di chiarire se va computato solo quanto realizzato all'interno del retino magenta o anche tutte le opere che ricadono all'interno del perimetro ciano.

L'intervento deve prevedere i costi anche di collegamento e connessione funzionale con l'esterno.

La invitiamo a prendere visione dell'all.19 in revisione 1.

Nel punto 4.1.2 del disciplinare di concorso vengono indicati gli elaborati richiesti per il primo grado. Oltre agli elaborati richiesti è possibile inserire rappresentazioni grafiche, sezioni, prospetti, spaccati assonometrici, planivolumetria, rendering interni, schemi tecnologici, scritte e descrizioni didascaliche. ecc.?

Si, sempre nel rispetto dei formati e del numero di elaborati richiesti al medesimo punto del disciplinare di concorso (max n.2 tavole in formato A1)

In riferimento al punto 4.1.2 del disciplinare di gara: "rappresentazioni tridimensionali delle volumetrie esterne nel numero massimo di due" si può specificare cosi intende per rappresentazioni volumetriche eventuali spaccati assonometrici sono considerati come rappresentazioni tridimensionali?

Parliamo di planivolumetrici e viste assonometriche.

Nel modello di verifica del programma funzionale superfici si richiedono chiarimenti in merito a: 1. il punto 2.6 "spazio calmo/disabili" fa riferimento alla normativa antincendio per l'evacuazione dell'edificio? 2. il punto 6.9 "zona raccoglimento/area sicura" a cosa fa riferimento?

1. Al primo quesito la risposta è affermativa;

2. Per quanto concerne il secondo quesito per area di raccoglimento/sicura si intende la zona di raccolta prevista dal piano di emergenza in caso di calamità.

Premesso che - nel disciplinare di gara e nei chiarimenti si è affermato che l'area di intervento è individuata all'interno dalle particelle delle visure catastali allegate; - nel progetto preliminare il volume della palestra è posto nella zona nord dell'area; - nella risposta pubblicata in data 2.10.2020 è stato allegato un documento grafico ( all.19) con individuata un'area di intervento del tutto diversa da quanto affermato precedentemente e con non riportata la particella 297 e parte della 561 SI richiede: - quale sia ESATTAMENTE l'area di intervento per la collocazione dei volumi edilizi comprensivi della palestra; - se gli attuali 2 campi sportivi siano da mantenere Inoltre si pone un altro quesito relativo alle altezze dei fabbricati: nei documenti di indirizzo alla progettazione viene indicata come altezza massima la misura di ml.10, si richiede se questa l'altezza è riferita alla attuale quota del cortile delle scuole considerando che l'edificio attuale ha un'altezza maggiore nella parte a nord. Per la varie problematiche che si stanno evidenziando e non chiarite nella documentazione di gara, si richiede una proroga dei tempi di consegna.

Abbiamo ritenuto opportuno pubblicare una planimetria integrativa a supporto della documentazione tecnica e una nota di chiarimenti a cui può fare riferimento.

Il campo sportivo di Nord Est è in fase di riqualificazione, mentre è possibile intervenire sull'area di pertinenza come indicato nel D.I.P (pag. 16). e nello schema dell'all.19 in revisione 1.

L'altezza massima rispetto alla quota terreno è di 10 metri così come previsto nelle norme tecniche.

Buongiorno, notando che la scuola elementare ha un distacco dal recinto dipoco più di 3 metri chiedo se è pssibile, anche per il nuovo edificio, avere un distacco sal recinto inferiore di 5 metri.

Nella progettazione del nuovo edificio si dovrà tener conto da quanto previsto dalle norme tecniche di attuazione del PRG, dal regolametno edilizio comunale e dalla normativa di settore vigente (rif. art. 2-bis, comma 1-ter, d.P.R. 380/2001 come modificato di recente)

Buon giorno, il D.M. 18/12/75 richiede una superficie minima di 135mq destinata ad uffici amministrativi. Il foglio exel per la verifica delle superfici prevede almeno 5 uffici e diversi locali accessori (sala riunioni, fotocopie, ristoro etc.). Il D.I.P. invece nella descrizione del programma funzionale non prevede nessuna area amministrativa. Quale è la richiesta in termini di superficie per l'area amministrativa e il numero di uffici che dobbiamo prendere in considerazione per il progetto della scuola?

Trattandosi di un istituto omnicomprensivo, la sede principale della dirigenza scolastica è situata presso il plesso scolastico del Comune di Mogliano, è possibile comunque prevedere quanto indicato nel documento di indirizzo alla progettazione secondo le indicazioni minime fornite dal D.M. 18/12/1975, come riportato nella tabella 7 a pagina 19 del D.I.P.

Buongiorno, dai chiarimenti del 05/10 non risulta possibile intervenire sul campo da calcetto in quanto già oggetto di riqualificazione. Presumendo che tale campo non possa essere in pendenza, ai fini della progettazione dei collegamenti di suddetto campo con le scuole e con l'esterno si chiede a quale delle quote altimetriche riportate nell'allegato "rilievo plano-altimetrico" si debba far riferimento. Più semplicemente si chiede quale sia la quota altimetrica del piano del campo fra quelle riportate negli spigoli, che vanno da 257,4 m a 259,4 m.

Il campo sportivo è posto indicativamente a quota 258 m s.l.m.m..

Si precisa che le quote riportate all'all.08_rilievo plano-altimetrico sono state rilevate al di fuori della recinzione dei campi da calcetto, al fine di identificare gli ingombri dei campi medesimi, riportando i punti più rilevanti per una corretta identificazione delle strutture in questione.

Volevo chiedere per quanto riguarda la documentazione amministrativa di 1 grado. Riguardo al DGUE modulo autocertificazione parte C: Capacitä tecniche e professionali. Possono queste essere compilate nella seconda fase di concorso dopo la costituzione di un Raggruppamento temporaneo o devono essere compilate o comprovate giä nella prima fase di concorso?

1. Il DGUE deve essere compilato in ogni sua parte già al 1° grado, come previsto al par. 4.2 del disciplinare di concorso:

"Il partecipante compila il DGUE di cui allo schema allegato al DM del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 18 luglio 2016 o successive modifiche, attraverso il seguente link http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/documento-di-gara-unico-europeo-dgue oppure il DGUE della Commissione Europea al link di seguito riportato: https://ec.europa.eu/growth/toolsdatabases/espd/filer?lang=it
Si precisa che una volta compilato il DGUE, editato in ogni sua parte, questo dovrà̀ essere sottoscritto digitalmente secondo le istruzioni indicate nel presente disciplinare e dovrà̀ essere prodotto tramite caricamento sulla piattaforma telematica. Allo stesso modo devono essere trasmesse le dichiarazioni eventualmente rese per le necessità espresse nelle linee guida del DGUE, sezione Avvertenze generali, quinto capoverso, da caricarsi a sistema in maniera analoga. Nel caso in cui nel DGUE siano dichiarate
condanne o conflitti di interesse o fattispecie relative a risoluzioni o altre circostanze idonee ad incidere sull’integrità̀ o affidabilità̀ del concorrente (di cui all’art. 80, commi 1 e 5, del Decreto legislativo n. 50/2016, sulla base delle indicazioni eventualmente rese nelle Linee Guida dell’A.N.AC.) o
siano state adottate misure di self cleaning, dovranno essere prodotti e trasmessi attraverso la piattaforma telematica e con le modalità innanzi descritte tutti i documenti pertinenti (ivi inclusi i provvedimenti di condanna), al fine di consentire alla stazione appaltante ogni opportuna valutazione.
Tutta la documentazione amministrativa dovrà essere in formato PDF e firmata digitalmente (formato.p7m) da tutti i soggetti abilitati a impegnare giuridicamente l’operatore economico e/o gli operatori economici (non deve essere prodotto alcun archivio digitale firmato digitalmente)."

2. La comprova dei requisiti dovrà essere predisposta da parte del vincitore del concorso entro 5 (cinque) giorni dalla pubblicazione della graduatoria finale del concorso di progettazione in oggetto, come riportato al par. 3.3.2 del disciplianre di concorso:

"Il vincitore del concorso, al fine di dimostrare i requisiti di cui ai precedenti punti 3.3.1 e 3.3.2 richiesti per l’affidamento dei successivi livelli di progettazione, oltre alla possibilità di ricorrere all’avvalimento come indicato al successivo punto 3.5, può costituire , ai sensi dell’articolo 152, comma 5 del Codice, ENTRO 5 (cinque) gg dalla pubblicazione del verbale della graduatoria provvisoria, sulla piattaforma, un raggruppamento temporaneo tra i soggetti di cui al comma 1 dell’articolo 46 del Codice o modificare il raggruppamento già proposto per la partecipazione al Concorso con altri soggetti, purché in entrambi i casi tali soggetti non abbiano già partecipato al Concorso, pena l’esclusione di tutto il gruppo. La comprova del requisito di capacità tecnica e professionale, da dimostrare da parte dell’aggiudicatario, è fornita nel rispetto e nei modi previsti nelle linee guida n. 1 ANAC Approvate dal Consiglio dell’Autorità con delibera n. 973 del 14 settembre 2016 Aggiornate al d.lgs. 56/2017 con delibera del Consiglio dell’Autorità n. 138 del 21 febbraio 2018 Aggiornate con delibera del Consiglio dell’Autorità n. 417 del 15 maggio 2019, con particolare riferimento ai i punti 2.2.2.3, 2.2.2.4 e 2.2.2.5 delle medesime linee guida; oltre che con uno dei seguenti modi:
 copia dei certificati di regolare esecuzione del servizio rilasciati dal committente pubblico e/o privato, con l’indicazione dell’oggetto, dell’importo e del periodo di esecuzione dei servizi;
 dichiarazione del concorrente, contenente l’oggetto del contratto, il CIG (ove disponibile) e il relativo importo delle prestazioni a cui si fa riferimento, il nominativo del committente e la data di stipula del contratto e/o copie delle fatture relative al periodo richiesto."

 

E’ possibile avere la dotazione attuale dei parcheggi?

Attualmente non vi è una sufficiente dotazione di parcheggi allineata agli standard urbanistici vigenti, ovvero 1 mq ogni 20 mc di volume netto edificato.

Tale criticità è palesata al par. 4 - Spazi esterni - Viabilità e parcheggi del Documento di indirizzo alla progettazione (pag.15) a cui il progettista è demndato l'onere di individuare strategie per risolvere in maniera sostenibile tali problemi.

Si precisa che l'unica area idoneamente attrezzata a parcheggio per i mezzi dedicati al trasporto scolastico, ha un'estensione di circa 60 mq, individuabile nella zona sud-ovest ripsetto alla scuola primaria "G. Ginobili".

E' possibile sapere la quota alla quale sono posti i sottosistemi fognari e idraulici?

Non è attualmente in nostro possesso tale dato. In questa fase, proposizione dell'idea progettuale, non appare significativo individuare le quote di impostazione delle condotte dedicate all'approvvigionamento di acqua potabile, di raccolta e deflusso di acque piovane e reflue a servizio degli immobili e della distribuzione del gas combustibile per l'alimentazione dei generatori di calore a servizio delle strutture limirofe.

Solo sussessivamente, ovvero a seguito della redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica prescelto verrà richiesto in sede di conferenza dei servizi agli enti gestori dei pubblici servizi a rete interessati, l'eventuale presenza di interferenze con le lavorazioni necessarie per la realizzazione dell'opera, con indicazione delle modifiche necessarie da apportare per la loro risoluzione, ai sensi di quanto disposto all'art. 27, comma 3 del decreto legislativo n. 50/2016.

E’ possibile avere delle sezione della scuola elementare Giovanni Ginobile, o almeno avere le quote di calpestio dei vari piani?

Nell'eleborato in formato .dwg della pubblicazione delle planimetrie della scuola elementare in revisione 01 è presente la sezione A-A.

Le quote di calpestio dei vari piani sono desumibili incrociando i dati derivati dalla planimetria e dai prospetti della scuola elementare pubblicati nella sezione documenti in revisione.01 e i dati riportati nell'all.08 relativo al rilievo plano-altimetrico.

Tra il complesso scolastico e Via del castellano (SP36) è presenta una strada che, oltre a condurre all’attuale cancello di ingresso alla scuola, conduce ad un accesso privato. Nel “all. 19_individuazione area di intervento.rev.01” tale strada è inclusa nell’area oggetto di intervento (colore magenta). Ciò significa che è possibile intervenire sul suo assetto attuale?

Si precisa che è nella più ampia discrezionalità del progettista presentare una proposta ideativa che intervenga sulla viabilità connessa agli edifici scolastici, alle loro pertinenze e alle strutture sportive, garantendo comunque l'unico accesso all'unità immobiliare identificata al foglio n. 5 particella n. 177, a Est della zona di intervento, in quanto immobile di proprietà privata.

Si rammenta quanto riportato al par. 4 - Spazi esterni - Viabilità esterna del Documento di Indirizzo alla Progettazione:

"Saranno auspicabili soluzioni progettuali migliorative delle condizioni di accessibilità e della viabilità pedonale e carrabile per risolvere le difficoltà di accesso e movimentazione delle auto all'interno dell’area.

La superficie da destinare a parcheggio dovrebbe essere dimensionata in un minimo di 1 mq per ogni 20 mc di volume netto, ai sensi del D. M. 18/12/1975, da destinare a parcheggi per la scuola. Intervenendo su un’area consolidata, tale rapporto non può essere soddisfatto e possono essere considerate solo le superfici destinate attualmente alla viabilità ed ai parcheggi.
Sarà premiante l’individuazione di strategie per risolvere in maniera sostenibile i suddetti problemi di viabilità e parcheggio.
"

L’Auditorium/teatro deve costituire uno spazio indipendente e chiuso/chiudibile come risulterebbe da un’analisi del “modello di verifica del programma funzionale delle superfici” dato che sono richiesti appositi servizi igienici, una cabina regia, un palco, un retropalco e un deposito, oppure può essere ricavato all’interno di un altro spazio come l’agorà e solo all’occorrenza esserne separato per mezzo di dispositivi mobili come deducibile dal documento di indirizzo alla progettazione?

Si rammenta che ricade nella piena discrezionalità del progettista l'individuazione della migliore soluzione progettuale che soddisfi le esigenze e gli indirizzi contenuti nel D.I.P., nel rispetto della fattibilità tecnica ed economica dell'opera da realizzare, con l'obiettivo di progettare, non una scuola, ma la Scuola Secondaria di 1° grado "Marco Martello", secondo i più innovativi concetti di polifunzionalità, nel più ampio significato di condivisione e di abitabilità degli ambienti e degli spazi che la costituiscono, comunque in aderenza e nel massimo rispetto della normativa tecnica di settore, in particolare delle norme tecniche relative all'edilizia scolastica (D.M. 18/12/1975).

La posizione planimetrica della palestra deve essere necessariamente quella indicata nella planimetria riportata alla pag. 7 del DIP?

No. Ricade nella più ampia discrezionalità del concorrente individuare il volume edilizio all'interno dell'area di intervento, da dedicare a palestra, nel rispetto dei contenuti esigenziali e di indirizzo del D.I.P., alla normativa edilizia e urbanistica vigenti.

Si rammenta che gli schemi e le rappresentazioni grafiche contenute all'interno del documento di indirizzo alla progettazione sono esemplificative e non vincolanti.

Potranno essere opportunamente premiate le idee progettuali che presentino risoluzioni alle criticità intrinseche nel contesto in cui è situato l'edificio scolastico e la palestra, oggetto del presente concorso di progettazione, attraverso la loro riconfigurazione, la predisposizione della viabilità a servizio degli stessi, nel rispetto dei vincoli e della normativa edilizia e urbanistica vigenti.

Buongiorno, Per quanto riguarda la relazione bisogna utilizzare il layout fornito (A4 verticale). La tabella delle superfici è in formato A3. Per questa non è previsto un layout? Deve essere messa in coda alla relazione? E per quanto riguarda il computo e il cronoprogramma? In che formato devono essere questi ultimi? E quante pagine si possono utilizzare? Anche questi devono essere messi in coda alla relazione?

1. Come riportato a pag. 25 del disciplinare di concorso il layout da utilizzare per la presentazione della relazione illustrativa è quello pubblicato nella sezione documenti della piattaforma concorsiawn.it all'uoppo predisposta, come di seguito riportato:

"4.1.1 - Relazione illustrativa - massimo 6 facciate formato A4 - orientamento verticale – carattere arial di dimensione 12, per un massimo di 24.000 battute spazi compresi. La relazione metterà in evidenza i concetti espressi graficamente, con particolare riferimento ai criteri di valutazione indicati nel bando. Non sono ammessi schemi grafici ed immagini;"

2. Come riportato a pag. 25 del disciplinare di concorso il layout da utilizzare per la presentazione della verifica del programma funzionale è quello messo a disposizione nella sezione Documenti della piattaforma concorsiawn.it relativamente alla modulistica tecnica, file pubblicato in formato A3 con estensione excel in revisione 01, che una volta redatto va allegato alla relazione illustrativa in formato .pdf, in un unico file, assieme alla stima economica e al cronoprogramma lavori, nel rispetto della limitazione dimensionale di 10 MB, come di seguito specificato:

- Par. 4) FASE DI 1° GRADO DEL CONCORSO: "un unico file, in formato PDF, di dimensione non superiore a 10 MB contenente la relazione illustrativa, il programma funzionale e la stima dei costi (PARTE DESCRITTIVA di cui ai paragrafi 4.1.1 – 4.1.3 – 4.1.4) eliminando dal file qualsiasi riferimento all’autore, palese od occulto."

- P.to 4.1.3 - PROGRAMMA funzionale: "in formato A3 con tabella di verifica delle superfici e rispondenza progettuale alle indicazioni del Documento di Progettazione."

3. Per quanto concerne la documentazione relativa alla STIMA economica, come precisato in precedenti riscontri a quesiti simili, non è stato predisposto un apposito layout, indicando l'utilizzo del layout relativo alla relazione illustrativa, senza limitazioni del numero di pagine e dei caratteri, potendo anche prevedere l'inserimento, esclusivamente per la documentazione indicata al p.to 4.1.4 - STIMA economica l'inserimento di schemi e immagini rientranti nel layout predisposto per la relazione illustrativa, ricordando che la documentazione da presentare per la PARTE DESCRITTIVA dovrà essere un unico file in formato .pdf delle dimensioni massime di 10 MB.

Pag. 25 del Disciplinare: "Il partecipante dovrà inserire il numero della tavola e il Codice alfanumerico prescelto per il 1° grado, da porre in alto a destra di ciascuna tavola, senza modificare posizione e caratteri rispetto ai fac-simile". I layout forniti prevedono l'inserimento del codice in basso a destra in verticale per le tavole e in basso a sinistra orizzontale per la relazione. Come ci dobbiamo regolare? Fa testo il layout o il Disciplinare?

Come precisato in precedenti riscontri a simili quesiti, è stato preso atto di un refuso contenuto nel disciplinare del concorso in oggetto, specificando che, a salvaguardia dell'anonimato e nel rispetto del principio di omogeneità e uniformazione della documentazione, ciò che fa fede per la presentazione della documentazione di cui trattasi quanto riportato nella modulistica, sia tecnica che amministrativa, pubblicata nella sezione Documenti della piattaforma concorsiawn.it.

 

Buongiorno, in uno degli ultimi quesiti scrivete: "Il valore della marca da bollo prevista per la presentazione della sola domanda di partecipazione è pari a quella di valore corrente, ovvero pari a 16,00 euro per ogni foglio, precisando che ciascun foglio è composto da 4 facciate". Questo vuol dire che se partecipiamo in RTP composto da 3 professionisti ed 1 giovane professionista, ognuno dovrà compilare la propria istanza e, pertanto, apporre la propria marca da bollo da 16,00€? A questo proposito, il giovane professionista (in caso di RTP) deve compilare anch'egli l'istanza di partecipazione e tutti gli altri documenti amministrativi?

L'istanza di partecipazione al 1° grado del concorso presenta alla prima pagina la scheda anagrafica che ciascun soggetto appartenente allo specifico operatore economico partecipante al concorso di progettazione, costituito o costituendo, nelle forme previste all'art. 46 del decreto legislativo n. 50/2016, deve redigere inserendo i propri dati anagrafici, la forma giuridica di partecipazione e il ruolo che rispettivamente ciascuno ricopre all'interno del soggetto partecipante, potendo utilmente duplicare la scheda anagrafica che precede la pagina dedicata alle dichiarazioni, da redigersi secondo il modello di istanza in argomento.

Pertanto appare inutile appesantimento economico e amministrativo redigere tanti modelli di istanza per quanti soggetti appartenenti all'operatore economico che intende partecipare nella forma prescelta al concorso di progettazione in oggetto, prevedendo la sola duplicazione della prima facciata riportante la scheda anagrafica che individua ciascuna persona fisica appartenente all'operatore economico che intende partecipare nelle forme previste di cui sopra.

Si precisa che appare inutile anche duplicare la terza pagina del citato e pubblicato modello di istanza che riporta delle indicazioni e precisazioni sulla sua compilazione.

Si rammenta la necessità di apporre una marca da bollo del valore corrente, ovvero pari a 16,00 euro, per ogni foglio, ribadendo che un foglio è costituito da 4 facciate, nel formato di cui al MA_01-Istanza di partecipazione al 1° grado pubblicato nella sezione Documenti di cui alla piattaforma concorsiawn.it.

Per quanto concerne l'ultima parte del quesito la risposta è affermativa.

Buongiorno, Ho provato a generare il PassOE inserendo il CIG fornito. Ma il sistema mi dice che la Stazione Appaltante non ha ancora finalizzato la messa a punto del CIG. Quando prevedete possa ritentare? Grazie

Per la partecipazione al 1° grado del presente concorso di progettazione non è richiesta la presentazione del PassOE.

Il PassOE dovrà essere predisposto al 2° grado, all'interno del file relativo alla documentazione amministrativa, e pertanto sarà accessibile esclusivamente agli operatori economici le cui idee progettuali rientranno tra le migliori 5 (cinque) proposte scelte dalla commissione di concorso, e ammesse dunque al 2° grado.

Quali distanze minime bisogna rispettare dagli edifici esistenti intorno al lotto dell'area di concorso

Le distanze minime da rispettare dagli edifici esistenti limitrofi sono quelle previste dalle disposizioni regolamentari prescritte dalla normativa urbanistica ed edilizia vigente, ovvero dalle Norme Tecniche di Attuazione del PRG e dal Regolamento edilizio comunale vigenti nel Comune di Petriolo, reperibile sul sito istituzionale (www.comune.petriolo.mc.it) dell'ente nell'apposita sezione dedicata.

Nel bando si fa riferimento ad un numero massimo di due viste 3d esterne da poter inserire , da questo numero sono escluse eventuali viste interne? Inoltre il numero di due viste è inteso per tavola o in totale.

1.Gli elaborati sono vincolanti nel numero e formato delle tavole da presentare come indicato al p.to 4.1.2 del disciplinare di concorso:"formato come da fac-simile allegato- orientamento orizzontale-tecnica rappresentativa libera in bianco e nero e/o colori - stampa su una sola facciata-, contenente la rappresentazione dell'idea progettuale che si intenderà sviluppare nel 2° grado, mediante schema planimetrico, schemi funzionali dei diversi livelli e rappresentazioni tridimensionali delle volumetrie esterne nel numero massimo di due. Per la redazione della suddetta tavola il partecipante dovrà utilizzare il fac-simile allegato."

Pertanto si conferma che il numero delle rappresentazioni tridimensionali dei volumi esterni ammesse per ciascuna tavola è pari a n. 2 (due).

Non vi sono vincoli relativamente alle rappresentazioni interne, sempre nel rispetto del formato e dell'opportuna scala di rappresentazione ricadente nella sfera discrezionale dei partecipanti.

E’ possibile inserire nelle tavole più di due render di viste esterne, più di due render di viste interne oltre a rappresentazioni assonometriche e planivolumetriche?

I rendering, le assonometrie e le rappresentazioni planovolumetriche delle viste esterne sono rappresentazioni tridimensionali dei volumi esterni e pertanto sono ammesse in un numero massimo pari a 2 (due) per ciascuna tavola come previsto al p.to 4.1.2 del disciplinare del concorso di progettazione per il 1° grado.

Per le viste interne non è stato assegnato alcun limite quantitativo, rammentando comunque il rispetto del formato indicato al p.to 4.1.2 di presentazione della parte grafica, corrispondente al formato A1, tenendo in considerazione l'opportuna scala per la rappresentazione degli elaborati tecnici.

Salve, per quanto riguarda le viste, devono essere obbligatoriamente due? E' possibile inserire viste anche degli interni?

Come riscontrato in precedenti quesiti, si precisa che le viste tridimensionali dei volumi esterni previsto nel numero massimo di due per ciascuna tavola in formato A1.

Non sono stati indicati vincoli per le viste interne, sempre nel rispetto del formato delle tavole e delle rappresentazioni da fornire in opportuna scala per un'idonea visualizzazione degli elaborati tecnici da parte dei commissari di concorso.

Salve, le quote altimetriche riportate nell'allegato all.08_rilievo plano-altimetrico.dwg si riferiscono alla recinzione dei campi da gioco attuali, è possibile conoscere anche la quota altimetrica dei campi? In particolare è necessario capire il dislivello dalla quota di ingresso degli edifici scolastici a quella dei campi da gioco.

Come riscontrato in precedenti quesiti è possibile derivare tali dati dall'incrocio dei dati desumibili dagli elaborati messi a disposizione nella sezione Documenti della piattaforma all'uopo predisposta, tra cui il rilievo planoaltimetrico, gli elaborati che riportano le planimetrie, i prospetti e le sezioni sia della scuola primaria che della scuola secondaria di 1° grado.

Si precisa che indicativamente la quota altimetrica dei campi risulta a 258 m s.l.m.m.

Salve, sarebbe possibile avere l'allegato "all.19_individuazione area intervento.rev.01" in formato DWG?

Si informa che è stato pubblicato quanto richiesto nella sezione Documenti>> Documentazione tecnica: all.19_individuazione area intervento.rev.01 in formato con estensione .dwg.

Buon giorno, sono un collaboratore di uno studio di architettura e intendo partecipare al concorso come operatore economico in forma singola, possedendo i requisiti di cui al punto 3.2 del bando. Se il mio progetto viene selezionato per il 2° grado procederò alla costituzione di un gruppo minimo di 3 professionisti costituendo di fatto un raggruppamento temporaneo di cui al punto 1.7 del bando. 1) In questo caso io devo rimanere capogruppo del raggruppamento temporaneo? Al vincitore del concorso saranno affidati i servizi di cui al successivo punto 6.1, purché in possesso dei seguenti requisiti di capacità economico-finanziari e tecnico-professionali, pena l’esclusione. 2) l'esclusione è riferita all'affidamento dei servizi oppure al concorso medesimo, con conseguente perdita del diritto al premio attribuito al vincitore? 3) i requisiti di capacità economico-finanziari e tecnico-professionali, di cui al punto 3.3.2 del bando possono essere posseduti nella quota dello 0% (essendo disegnatore tecnico/renderista) da parte dell'operatore economico partecipante al 1° grado di concorso (che rimane capogruppo) e dal 100%: - da parte dei componenti aggiunti nel 2° grado di concorso - attraverso una ulteriore modifica, entro 5 giorni dalla pubblicazione del verbale della graduatoria provvisoria, del raggruppamento già proposto?

1) si rammenta che occorre rispettare quanto riportato nei punti 3.2 e 3.3 del disciplinare di concorso in oggetto, e in alternativa fare utile ricorso all'Avvalimento di cui al p.to 3.5 del medesimo disciplinare.

2) l'esclusione dalla procedura concorsuale;

3) la percentuale indicata pari a 0% equivale all'assenza del requisito minimo richiesto. Si rimanda a quanto specificato al p.to 1 del presente riscontro.

E' possibile partecipare alla prima fase del concorso in RTP senza possedere tutti i REQUISITI DI CAPACITÀ TECNICA E PROFESSIONALE richiesti dal bando ed integrare in secondo grado il Raggruppamento per raggiungere i requisiti richiesti?

La risposta è affermativa.

Il vincitore del concorso, al fine di dimostrare i requisiti di cui ai precedenti punti 3.3.1 e 3.3.2 richiesti per l’affidamento dei successivi livelli di progettazione, oltre alla possibilità di ricorrere all’avvalimento come indicato al successivo punto 3.5, può costituire , ai sensi dell’articolo 152, comma 5 del Codice,
ENTRO 5 (cinque) gg dalla pubblicazione del verbale della graduatoria provvisoria, sulla piattaforma, un raggruppamento temporaneo tra i soggetti di cui al comma 1 dell’articolo 46 del Codice o modificare il raggruppamento già proposto per la partecipazione al Concorso con altri soggetti, purché in entrambi i casi tali soggetti non abbiano già partecipato al Concorso, pena l’esclusione di tutto il gruppo.

E' imbarazzante scoprire a pochi giorni dalla consegna dei progetti che nonostante Vi abbiamo posto delle domande a cui non avete dato risposta, in data 5 ottobre Vi degnate finalmente di dare comunicazione di quali siano i vincoli imprescindibili quali quello del campo di calcio. Sarebbe auspicabile a questo punto uno slittamento della consegna al 30 ottobre.

In data 01/10/2020 è stata aggiornata la documentazione tecnica, elaborati progettuali di cui all.19_Area di intervento, all.20_Documentazione fotografica_Viabilità esterna, e un documento in revisione 1 del file con estensione in .dwg relativo alle planimetrie, prospetti e sezioni della scuola primaria "G. Ginobili, non originariamente ricompresi nella documentazione tecnica elencatI nel disciplinare del concorso, al fine di approfondire aspetti tecnici sollevati dai partecipanti e di chiarire in maniera più esaustiva possibile alcuni dubbi e incertezze, tentando di soddisfare le richieste che mano a mano venivano alla luce nella sezione "Quesiti".

In data 05/10/2020, riscontrando all'interno della sezione documenti ancora alcuni dubbi e incertezze sollevati dai partecipanti, è stato ulteriormemente fornito uno schema planimetrico dell'area per chiarire maggiormente e definitivamente alcuni vincoli e aree presso cui non poter intervenire direttamente, ma dove fosse possibile organizzare passaggi connettivi e funzionali tra gli edifici scolastici, le strutture e pertinenze a loro servizio, revisionando l'all.19_Area di intervento.

Si precisa che il presente concorso di progettazione, grazie al quale addivenire all'affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva, e in via opzionale alla costituzione dell'Ufficio di direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, è stato possibile in virtù dell'ammissione a finanziamento concessa da parte del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca con decreto del Direttore Generale 21 giugno 2019, n. 251 pubbllicato quale parte integrante e sostanziale della presente procedura concorsuale, a cui si rimanda la lettura per maggiori approfondimenti in merito ai termini di consegna della documentazione di partecipazione.